Tre gruppi della Curva Bulgarelli: "La città deve poter criticare il club, non viceversa"

Comunicato di Forever Boys, Freak Boys e Quei Ragazzi

Scritto da Redazione  | 

Preso atto di quanto stiamo sentendo, vedendo e leggendo, preso atto del periodo che stiamo vivendo, il quale ci vede costretti a vivere un marginale (a noi non congeniale) ruolo di meri spettatori, e per ultimo - ma non meno importante - preso atto che stiamo attraversando un campionato dell'assurdo, che solo dimostra come il calcio del 2021 sia un avido sistema assoggettato ai soldi, fuori controllo, distaccato dalle emozioni dei propri tifosi, ci teniamo a specificare che siamo rimasti sorpresi di fronte alle parole del direttore sportivo Walter Sabatini quando si definisce "arrabbiato con la piazza che ha messo in discussione il nostro presidente Saputo" in quanto mai accaduto. Per quello che riguarda invece la dirigenza della squadra, ed in particolare per quella che si occupa della parte tecnica, nutriamo tanti dubbi sul suo operato. Ci teniamo a sottolineare come le condizioni da noi evidenziate nel 2019 dopo quel Bologna-Frosinone 0-4 in via dello Sport, quando fu messo in discussione, non Saputo, ma lo staff tecnico, non siano sostanzialmente cambiate, poiché tutto finì nel dimenticatoio per merito del "miracolo" fatto sul campo da Sinisa Mihajlovic e dai ragazzi della squadra.

Precisiamo anche che, seppur meri (e silenziosi) spettatori, ad una piazza deve sempre essere concessa critica nei confronti della società, ma MAI il contrario. Prestiamo e presteremo molta attenzione ai futuri episodi sportivi, speranzosi di una conferma delle parole di una società che, finora, ha disatteso diverse delle sue promesse. Pazientiamo e attendiamo il giorno in cui si potrà venir meno all'era dei meri spettatori e tornare ad essere ciò che siamo: gli ultras del Bologna.

Forza Bologna sempre!

FOREVER ULTRAS

FREAK BOYS

QUEI RAGAZZI


💬 Commenti