Palestre e piscine verso la riapertura: ok del Cts al nuovo protocollo, ma con regole molto rigide

Lezioni individuali in palestra, spazi definiti nelle piscine: le nuove direttive

Scritto da Francesco Livorti  | 

Il Comitato tecnico-scientifico ha validato le nuove regole studiate dal ministero dello Sport verso la riapertura di palestre e piscine. La chiusura è prevista fino al 5 marzo, data di scadenza dell'attuale Dpcm. Sarà quindi il nuovo Governo a dare l'eventuale via libera nel prossimo decreto. In palestra solo lezioni individuali, in piscina spazi ben definiti. Rimane il rispetto della distanza interpersonale, non inferiore a 2 metri e che dovrà essere stabilita tra i 7 metri proposti dal ministro e i 10 richiesti dal Cts. Gli operatori dovranno indossare la mascherina, rendere disponibili i gel disinfettanti e sanificare attrezzi e materiali dopo ogni utilizzo. Vietate le docce, gli indumenti privati dovranno essere riposti in borse personali e non lasciati in luoghi condivisi, si dovrà bere da bicchieri/bottiglie monouso personali e gettare i fazzoletti in appositi contenitori.

ATTIVITÀ SPORTIVA ZONA PER ZONA

Zona rossa e aree sottoposte a lockdown locali: sport individuali all'aperto.

Zona arancione: oltre alle attività consentite in zona rossa, anche allenamenti individuali in palestre, piscine e tensostrutture, ma solo per attività di base individuali oltre a quelle dilettantistiche non di squadra o non di contatto.

Zona gialla: oltre alle attività consentite in zona arancione, consentiti allenamenti per sport da contatti e di squadra dilettantistico e di base.


💬 Commenti