Trento-Virtus, le pagelle: la Segafredo amministra nel segno di Cordinier e Mannion

Le nostre pagelle a Virtus e Trento in seguito alla vittoria dei bolognesi, che rimangono imbattuti

Scritto da Massimo Guerrieri  | 
Cordinier e Weems (Foto Virtus)

La Virtus Bologna porta casa anche il match di Trento, dopo aver vinto davanti ai propri tifosi contro Valencia durante la settimana. I bianconeri si portano a 14 punti in classifica a mantengono l'imbattibilità in campionato, mentre la Dolomiti Energia rimane ferma ad otto in piena zona playoff. Con molte assenze, la compagine felsinea espugna il palazzetto avversario, nel segno di due grandi prestazioni come quelle di Cordinier e Mannion e con un atteggiamento di squadra molto buono.

Le pagelle

VIRTUS

CORDINIER 7,5 - è, forse, il giocatore più in forma della Virtus in questo preciso momento storico. Grazie alla sua fisicità e al suo atletismo, mette in grossa difficoltà la difesa avversaria, che spesso si fa battere sul primo passo e si trova a dover rincorrere l'esterno francese. Il numero 00 chiude la sua partita con 13 punti e 5 rimbalzi a referto, rimanendo molto concentrato anche in fase difensiva. 

MANNION 7,5 - il migliore insieme a Cordinier. 15 punti, 2 rimbalzi e 2 assist per il talento ex Golden State, il quale, in campionato, rappresenta un'arma fondamentale per i suoi. Quando la partita non è punto a punto dà il meglio di sé e questo, se vogliamo, è anche il suo più grande difetto, ma, in partite come quella di oggi, ciò equivale ad ottime prestazioni. In fase offensiva mostra tutto il suo talento, mentre in difesa si comporta bene e non commette grosse sbavature. 

BELINELLI 6,5 - è indietro di condizione e si vede. Il capitano bianconero chiude il match con 9 punti, 2 rimbalzi e 1 assist sul tabellino personale, ma si mostra in difficoltà a livello fisico per quasi tutto il tempo in cui è sul parquet di gioco. Segna una tripla fondamentale nel finale di partita, che riporta i suoi dal +6 al +9, gioca di esperienza e mostra il suo talento a tratti. 

HACKETT 6,5 - così come il suo capitano, segna un tiro importante dalla lunga distanza negli ultimi minuti di partita, il quale porta la Virtus dal +9 al nuovo +12. 9 punti, 3 rimbalzi e 2 assist per l'esperto playmaker italiano, che gioca con carattere, voglia e tanta energia. Man mano che la stagione avanza sta recuperando il 100% delle forze fisiche e mentale e questo è molto importante per coach Scariolo ed i suoi compagni.

WEEMS 6 - la sufficienza la raggiunge, ma nulla di più. A livello fisico e psicologico è abbastanza in difficoltà in questo momento e questo si riflette nelle sue prestazioni: 9 punti, 2 rimbalzi e 2 assist con qualche errore di troppo ed un atletismo che non pare essere quello di qualche mese fa. “Pazienza” è la parola d'ordine da utilizzare quando si parla del numero 34: ha bisogno di tempo per tornare al 100%.

MICKEY 6,5 - non gioca tantissimo, ma, quando è sul parquet di gioco, porta a scuola i lunghi avversari. Fa valere fisico ed esperienza e chiude con 6 punti e 4 rimbalzi. In fase difensiva aiuta i suoi compagni, si mostra tranquillo e non si scompone mai, mentre in fase offensiva fa della concretezza la sua arma migliore. 

BAKO 6,5 - 5 punti, 7 rimbalzi e 1 assist per il centro belga, il quale si mette in mostra in svariate occasioni ed è uno dei protagonisti del match all'interno del pitturato. La fase difensiva è migliorabile (nonostante abbia mostrato una stoppata degna di nota), mentre in attacco è esattamente questo ciò che gli si chiede, certamente non di strafare, ma nemmeno di commettere errori banali o essere assente. 

JAITEH 5 - il giocatore più in difficoltà della Segafredo in questo momento. Quando un giocatore del suo calibro non riesce ad emergere nemmeno in partite di questo livello c'è un problema. 3 punti, 5 rimbalzi e 1 assist, ma troppa poca convinzione nell'attaccare il ferro e nell'incidere sulla gara. In fase difensiva tutto sommato sufficiente, mentre in attacco gli manca la cattiveria agonistica giusta per diventare un fattore.

PAJOLA 5,5 - anche a chi, in molteplici occasioni, ha “guidato” la squadra o ha portato a casa ottime prestazioni, si può concedere una giornata storta e questa, per il giovane playmaker italiano, lo è certamente stata. Troppo falloso ed irruento, chiude con 2 punti e 1 rimbalzo a referto, si applica in difesa, ma da lui, ormai, si deve pretendere molto più di questo. 

CAMARA s.v.

RUZZIER n.e.

SCARIOLO 7 - gestisce molto bene le diverse situazione tattiche che si presentano durante il corso del match ed amministra nel migliore dei modi la sua squadra. La partita non è particolarmente complicata da gestire durante il suo corso, ma è stata preparata bene. 

TRENTO: Crawford 6.5, Atkins 6.5, Grazulis 6, Flaccadori 5.5, Udom 5, Spagnolo 5, Conti 5, Forray 5, Lockett 4.5, Ladurner 5.5, Molin 5.5.


💬 Commenti