Posch: "Una fortuna che Arnautovic non sia andato via. Motta è una brava persona e ora le cose vanno bene"

Le parole del difensore rossoblù, arrivato in Italia solo da qualche mese

Scritto da Enrico Traini  | 
Stefan Posch (ph. bolognafc.it)

Stefan Posch è stato uno degli acquisti del mercato estivo del Bologna. Arrivato in sordina, quasi da sconosciuto, si è reso autore del gol vittoria contro il Torino. L'austriaco si è raccontato negli scorsi giorni al sito austriaco Spox.

Ecco le sue parole, riportate nell'edizione odierna de la Repubblica: 

Sull'impatto in Italia: “All’inizio è stato stressante vivere in hotel e passare un mese e mezzo con la valigia in mano, ora abito in un appartamento vicino al centro, giro a piedi e mi sento a mio agio in città. Ho visitato Firenze e Venezia, viaggiando in treno, quasi tutti qui si spostano coi mezzi pubblici e per me non è un problema usarli”.

Su Mihajlovic: “Fece un bluff perché c’era ancora da chiudere il trasferimento”.

Su Arnautovic: “L’ho chiamato prima di firmare, era importante mi desse informazioni sul club, e per fortuna non se ne è andato”.

Su Thiago Motta: “È una brava persona e immagine di una nuova generazione di allenatori; con noi è gentile, amichevole, tratta bene tutti, ma ci fa anche allenare duramente. È servito tempo, ma ora stiamo andando molto bene”.

GUARDA GLI HIGHLIGTS DI BOLOGNA-TORINO

 

LEGGI ANCHE: Verso Inter-Bologna: seduta di scarico a Casteldebole


💬 Commenti