Seguici su Twitch

La Virtus soffre ma batte il Lietkabelis

Gli uomini di Scariolo conquistano i quarti di finale di Eurocup battendo 75-67 i lituani. Settimana prossima affronteranno in casa Ulm.

Scritto da Alessandro Iannacci  | 
Sampson (Foto Virtus Bologna)

Successo per 75-67 tirato ma meritato per la Segafredo, che conquista i quarti di Eurocup dopo una serata complicata contro una Lietkabelis mai doma. I lituani trovano linfa dall'arco, ricucendo ogni tentativo di allungo della Virtus. La coppia Jaiteh-Sampson è decisiva per mantenere il comando fino al termine, mentre Shengelia e Weems portano il loro contributo di rilievo. 

LA CRONACA

Orelik sblocca la partita con una tripla centrale, mentre la Virtus scalda i suoi tifosi con la schiacciata di Shengelia. Litekabelis difende bene e trova dall’arco lo spazio per allungare fino al 2-8. Bologna reagisce chiudendo le maglie in difesa e recuperando subito lo svantaggio con Teodosic e Shengelia. Weems si accende con la tripla del sorpasso bianconero e il gioco da tre punti del 14-8. Shengelia fa lo slalom nell’area avversaria e serve a Jaiteh la palla del 16-8 e coach Canak ferma il gioco sul -8 per parlarne con i suoi. I lituani tornano a segnare dall’arco ma la Virtus è indemoniata e Sampson schiaccia in contropiede per il 18-11. Nel finale di primo quarto l’attacco bianconero si blocca e Lipkevicius trova un’incredibile tripla dalla sua area per il 18-14. Sampson è protagonista nell’avvio di secondo quarto. Con un break di 5 punti personali diventa il miglior marcatore dei bianconeri e anche in difesa colleziona buoni aiuti per i compagni. Hervey in velocità e Belinelli dalla lunetta fanno +10 Virtus (28-18). Le Vunere allungano le rotazioni e provano a gestire il vantaggio, anche se il Lietkabelis tenta di rimettersi in partita con la bomba di Kalaitzakis del -5 (30-25). L’attacco bianconero non gira più e Scariolo chiama un nuovo minuto di sospensione. I lituani trovano addirittura il -1 con Orelik e Gagic, mentre la Segafredo risponde con il gioco da 3 di Jaiteh del 34-30. Weems si prende ancora una volta la scena recuperando palla, segnando la schiacciata del +6 e incitando il pubblico virtussino della Segafredo Arena. Canak ferma il gioco per non dare continuità agli avversari. Il Lietkabelis è comunque vivo e negli ultimi secondi del primo tempo riesce a toccare il -2, ma Teodosic concretizza la giocata del campione con la tripla fuori equilibrio del 39-34.

 

Hackett muove il suo tabellino personale con una tripla e i canestri di Jaiteh e Shengelia sono il primo tentativo di spallata al match della Virtus, a +12 in un amen. Lo staff tecnico dei lituani chiama time out, ma la Virtus gioca benissimo e Jaiteh aumenta il suo bottino personale con il gancio del 50-37. Come accaduto in altri momenti del match l’attacco virtussino perde di fluidità e il Lietkabelis ha l’occasione di toccare il -5 con Maldunas. I lituani rosicchiano altri punti, ma Hervey toglie le castagne dal fuoco con il gioco da tre del 55-50. In chiusura di terzo quarto la Virtus riesce a tenere 4 punti di vantaggio prima dei 10 minuti finali. Belinelli prova a trascinare i compagni verso il successo, ma la Virtus non è cinica a sfruttare gli errori del Lietkabelis e rimane a -4. Sampson inventa in area per il +6 e recupera un possesso fondamentale in difesa. Weems sigla la tripla del 68-59 a 3 minuti e 30 dalla fine. Gli ultimi minuti sono tiratissimi, ma la superiorità della Segafredo è decisiva e i bianconeri vincono 75-67.


💬 Commenti