Tra i tifosi più appassionati del Bologna c'è sicuramente Gian Mario Anselmi, italianista e storico della letteratura che ha rilasciato una lunga intervista al Corriere di Bologna, dove racconta come è nato il suo amore per i rossoblù, e come ha vissuto questa magica stagione.

Joshua Zirkzee (ph. bolognafc.it)
Joshua Zirkzee (ph. bolognafc.it)

Il Bologna di Marronaro

Prima del liceo ho ambientato in Piemonte, poi in Sicilia. Mio padre era un dirigente statale, quindi ci spostavamo. Quando ero piccolo andavo a vedere con lui la Pro Vercelli, che era in C, allora. Ma venendo a Bologna e andando allo stadio, prima con i miei genitori poi in autonomia, mi sono appassionato al Bologna. In particolare mi sono legato a questi colori con il Bologna di Marronaro in B. Giocavano con entusiasmo nuovo e contagioso. E lì ho cominciato a tifare Bologna. Comunque ho un'età e il Bologna dello scudetto lo ricordo bene.

Analogie tra il Bologna dello scudetto e quello di oggi

C'era l'Inter che dominava, il Milan era molto forte. Le squadre ai vertici erano poi più o meno le stesse. Anche quel Bologna venne fuori un po' alla volta. E l'entusiasmo che si creò, enorme, arrivò piuttosto in fretta, come quest'anno. Il calcio di allora non è quello di oggi ma ho visto partite spettacolari quest'anno che non ho visto nel Bologna di allora. Quel controllo palla, lo scambio continuo e non sbagliare un colpo ha reso certe gare straordinarie. Poi certo in quel Bologna c'erano più fuoriclasse, ma quelli di oggi lo diventeranno e speriamo nel Bologna.

Abbonato da sempre

Sono sempre stato abbonato, ma quest'anno a causa di qualche acciacco e delle partite in giorni sempre diversi ho dovuto rinunciare. Ma mi è dispiaciuto perché per me andare allo stadio è come tornare bambino, a quando mia madre mi metteva la sciarpa e “non prendere freddo” diceva, mentre partivo con papà. Per me la partita è imprescindibile. Sono riuscito a vedere una gara del Bologna anche in un angolo di museo a Barcellona, con il cellulare. Accomuna tutti i tifosi, questo tornar bambini. L'entusiasmo infantile, le prese di posizioni viscerali, le arrabbiature feroci o le gioie folli. E' solo del calcio, questo.

Il paragone letterario

I grandi prosatori del Bologna, quelli che scrivono i romanzi lunghi, per me sono Ferguson e Freuler. Mentre il narratore della squadra è Calafiori e il poeta, senza dubbio, Zirkzee.

LEGGI ANCHE: Bologna, il futuro di Thiago Motta dipende dal progetto

Bologna, la permanenza di Thiago Motta dipende dal progetto: i possibili scenari
Cremonini: "Il Bologna ha legato le tradizioni passate con la passione delle nuove generazioni"

💬 Commenti

Testata giornalistica
Autorizzazione Tribunale di Bologna
8577 del 16/03/2022

Copyright 2023 © Sphera Media | Tutti i diritti sono riservati |
È vietata la riproduzione parziale o totale dei testi senza il preventivo consenso scritto dell’editore.

Sphera Media è iscritta nel Registro degli Operatori di Comunicazione con il numero 39167

Powered by Slyvi