Seguici su Twitch

Pyyhtia croce e delizia: la Sampdoria la pareggia all’ultimo contro il Bologna

Finisce 2 a 2 tra Bologna e Sampdoria: decisivo il rigore di Yepes nel finale

Scritto da Giacomo Guizzardi  | 
Pyyhtia, croce e delizia della sfida di oggi (Foto BFC)

Rammarico, rabbia e dispiacere: il Bologna Primavera va vicino all’impresa contro la Sampdoria, accarezzando per oltre 95 minuti la possibilità di portarsi a casa tre punti importanti ma, nel finale, un’insicurezza spiana la strada ai blucerchiati, che da Casteldebole escono con un punto in tasca.

Finisce 2 a 2 la sfida tra i rossoblù di Vigiani e la squadra di Tufano, che dopo essere andata per due volte sotto (Raimondo prima, Paananen poi) trovano la forza di ristabilire la parità, prima con Chilafi, nella ripresa, e poi sul fischio finale, con il rigore di Yepes che fissa il punteggio sul 2 a 2. Rigore nato da un errore di Pyyhtia, autore di una prova di sostanza ma macchiata da quell’imprecisione finale che regala un punto ai doriani, costretti in 10 per quasi tutto il secondo tempo. Il Bologna, in classifica, fallisce l’aggancio al Napoli e rimane in zona playout, accorciando il distacco dalle squadre che precedono. 

La partita

Parte decisamente meglio il Bologna, che dopo 5’ sfiora già il gol: conclusione di Pagliuca e pallone che sbatte sul palo, impedendo la seconda gioia stagionale al numero 10. Ma è questione di attimi per il vantaggio rossoblù: Pyyhtia recapita un pallone perfetto a Raimondo, che con un tocco preciso batte Saio e porta avanti i suoi dopo nemmeno dieci minuti, segnando il suo ottavo gol in campionato. 

La Sampdoria prova a riprendersi a metà tempo: prima Di Stefano, da fuori area, non trova lo specchio, poi Somma non punisce un’uscita maldestra di Bagnolini, fallendo il colpo di testa. Si torna in area blucerchiata al 34’: pallone splendido di Annan per Rocchi, che si vede respingere il tiro da pochi metri da Saio, reattivo nell’occasione. Nel finale proprio Annan ci prova: la combinazione con Raimondo è perfetta, meno il colpo di testa del terzino che conclude alto. Proteste rossoblù al 42’: Montevago, già ammonito, commette un fallo meritevole di cartellino su Stivanello, ma l’arbitro grazia il centravanti doriano. 

Ripresa al via con Tufano che prova a cambiare qualcosa per trovare il vantaggio, ma l’allenatore doriano, dopo soli 10’, è costretto a rivedere le sue mosse: Montevago sbraccia su Raimondo, Costanza questa volta non perdona l’attaccante della Sampdoria e gli mostra il secondo giallo. Bologna in superiorità numerica e chiamata a gestire il vantaggio, Samp che tenta il tutto per tutto: al 18’ Villa è bravo ad anticipare Raimondo, negandogli la doppietta, mentre pochi minuti dopo Mercier, entrato al posto di Motolese, sfiora il 2 a 0 di testa, senza però segnare. Migliardi si fa vedere su punizione, ma è l’antipasto del pareggio: Malagrida ruba palla ad Amey, mette in mezzo un cross sul quale è puntuale l’inserimento di Chilafi, che segna l’1 a 1. Bologna che potrebbe andare al tappeto ma che invece reagisce e realizza il 2 a 1 sull’asse finlandese: Pyyhtia per Wallius, suggerimento del terzino sul quale arriva Paananen che piazza la zampata vincente. Nel finale Raimondo colpisce un palo su passaggio di Annan, con lo stesso Paananen che non realizza il tap-in. E sono occasioni non sfruttate che la squadra di Vigiani finisce per pagare: nell’ultimo minuto di recupero Pyyhtia, fino a quel momento tra i più positivi, affossa Chilafi in area, spedendo Yepes dagli 11 metri e permettendo alla Sampdoria di portarsi a casa un punto. 

 

Il tabellino della gara

Bologna – Sampdoria 2-2

Bologna (3-5-2): Bagnolini; Amey, Stivanello, Motolese (12’ st Mercier); Wallius, Pyyhtia, Urbanski (40’ st Bynoe), Pagliuca (45’ st Pietrelli), Annan; Rocchi (12’ st Paananen), Raimondo (45’ st Cupani). Allenatore: Vigiani. A disposizione: Franzini, Cavina, Sakho, Corazza, Cossalter, Wieser, Lahdenmaki.

Sampdoria (3-5-2): Saio; Villa (32’ st Leonardi), Bonfanti, Migliardi; Somma (13’ st Malagrida), Pozzato (13’ st Bonavita), Yepes, Paoletti, Bianchi (1’ st Chilafi); Di Stefano, Montevago. Allenatore: Tufano. A disposizione: Tantalocchi, Napoli, Bontempi, Sepe, Dolcini, Catania, Vitale, Musso. 

Marcatori: 8’ pt Raimondo (B), 28’ st Chilafi (S), 31’ st Paananen (B), 50’ st rig. Yepes (S).
Ammoniti: Motolese, Annan, Mercier (B); Villa (S).
Espulso al 10’ st Montevago (S), per doppia ammonizione.
Note: recupero 1’ pt e 4’ st. 
Arbitro: Costanza di Agrigento. 

 


💬 Commenti