Secondo successo per la Virtus Bologna in Eurocup

Gli uomini di Scariolo battono il Ratiopharm Ulm in una serata non semplice. Nel secondo tempo Jaiteh, Sampson e Belinelli confezionano il definitivo 87-76

Scritto da Alessandro Iannacci  | 
Alibegovic e Jaiteh (Foto Virtus Segafredo Bologna - Matteo Marchi)

La Segafredo porta a casa la seconda vittoria in Eurocup dopo il successo in turchia. Ulm resta in partita per due tempi, trovando anche il + 10 a metà secondo quarto, poi gli uomini di Scariolo azionano la freccia del sorpasso conducendo fino al 87-76 finale. Per Bologna successo importante nonostante le pessime percentuali al tiro. Sugli scudi Jaiteh, Sampson e Belinelli. 

Zugic prova a lanciare Ulm nei primi minuti, ma Sampson e Pajola approfittano di alcuni buchi difensivi degli avversari regalando alla Segafredo il vantaggio (4-2). La Virtus riesce a trovare il gioco in velocità e il taglio di Hervey innescato dall’assist di Sampson vale l’8-5. Felicio, ex Chicago Bulls, riporta Ulm davanti con un parziale personale di 4 punti. I padroni di casa perdono troppi possessi, consentendo ai tedeschi di trovare canestri facili e volare sull’8-12. Belinelli è caldo e realizza il parziale del 15-14 Virtus. Teodosic entra in campo e crea gioco per i suoi. Bretzel e Gunther segnano da 3, per Ulm è praticamente infallibile dall’arco nei primi dieci minuti.  La Segafredo prova a rimanere a contatto con Mannion, ma Bretzel è on fire e la sua torsione sotto canestro vale il 23-28 di fine primo quarto. La Virtus pasticcia ancora e Christon prosegue la sua partita di spessore con la penetrazione del +7 (25-32). Bologna paga la pessima precisione al tiro, Jallow ha una prateria da 3 e trova il massimo vantaggio per i tedeschi a metà del secondo quarto (28-37). Il Paladozza alza il volume per sostenere i giocatori bianconeri in un momento difficile: Pajola e compagni reagiscono abbassando le gambe in difesa e trovando nuova energia in attacco con Sampson e Weems. Il 34 delle Vnere trova il canestro del -6 e costringe Ulm a chiamare time out. Al rientro in campo un tarantolato Sampson recupera palla e capitalizza il gioco da 3 punti del 36-39. La tripla di Belinelli vale il pareggio, ma Ulm reagisce e Christon rispedisce lontano Bologna dall’arco. Gli ospiti rientrano negli spogliatoi sul +4 (40-44).

 

Il terzo quarto comincia all’insegna dell’equilibrio: Bologna riesce a servire in transizione Jaiteh, alzando il ritmo anche in difesa e riuscendo a mettere nuovamente la testa avanti con l’appoggio di Hervey del 50-47. Belinelli allunga, ma Herkenhoff non ci sta e risponde dall’arco per il nuovo -3. I tedeschi perdono possessi banali e Jaithe a rimbalzo non concede seconde occasioni. Weems prova ad entrare definitivamnente nel match con il pallonetto dalla media del +7 Segafredo (57-50). In chiusura di terzo quarto le Vnere allungano ancora con la schiacciata di Hervey del +10. Le squadre si affacciano all’ultimo quarto sul 62-54 per la Virtus. Bologna riparte con la giusta faccia, mentre Ulm tenta di rimanere in partita con le giocate dei singoli. Ora la Virtus è più reattiva anche a rimbalzo e la coppia Sampson-Alibegovic regala a Scariolo il +13 (70-57). Arriva anche il primo canestro di Teodosic, che realizza la terza tripla del match della Virtus per il +14 a 5 minuti dalla sirena finale. La luce si spegne improvvisamente per l'attacco bolognese, ma Ulm non ne approfitta. Belinelli gonfia la retina da 3 ma Zugic risponde con la stessa arma. Il tap in di Weems in contropiede regala il +8 a 1' dalla fine che sa di vittoria. Weems realizza ancora in contropiede e la virtus vince 87-76


💬 Commenti