Seguici su Twitch

Fortitudo-Virtus, le pagelle dei biancoblù: Benzing e Procida su tutti. Ottima prestazione di gruppo

Le nostre pagelle alla Fortitudo Kigili Bologna dopo la sconfitta subita nel derby con la Virtus

Scritto da Massimo Guerrieri  | 
(Ph. Valentino Orsini per Fortitudo Pallacanestro Bologna)

La Fortitudo esce a testa alta dal derby del Paladozza, nonostante gli avversari siano riusciti a portare a casa la vittoria. Quella della Kigili è un'ottima prestazione di gruppo, al netto di tutte le difficoltà fisiche che, nei giorni precedenti alla gara, avevano colpito il roster dei biancoblù. Sugli scudi Benzing, Frazier e Procida, anche se quest'ultimo non è stato utilizzato da coach Antimo Martino nel finale di partita. 

Le pagelle

FORTITUDO

PROCIDA 6,5 - gioca una partita attenta, dispendiosa ed efficace. Chiude il suo match con 15 punti, 3 rimbalzi e 1 assist, confermandosi uno dei migliori dei suoi. Non rimane sul parquet di gioco nel finale di gara a causa di una scelta tecnica da parte del suo coach e di un piccolo problema fisico avvertito durante la gara, ma è in ogni caso incisivo per i suoi. 

BENZING 7 - dopo un inizio d'anno complicato, ritrova la forma fisica migliore e la giusta condizione mentale. E' il top scorre della partita con 19 punti, 1 rimbalzo e 2 assist. Non vuole strafare e mette sul parquet di gioco tutto il suo talento, riuscendo a colpire la Virtus da dietro l'arco e con le sue penetrazioni. 

GROSELLE 6,5 - doppia doppia da 10 punti ed 11 rimbalzi per lui. Ampiamente criticato nel corso della stagione e lasciato a gestire il reparto lunghi da solo a seguito della cessione di Totè, pesca dal cilindro una grande prestazione. Annulla di fatto Jaiteh, si impegna in difesa e mette in difficoltà gli avversari con i suoi movimenti spalle a canestro. 

FRAZIER 6,5 - tecnica, velocità e lucidità mentale per lo statunitense in maglia numero 00. Mette a referto 14 punti, 5 rimbalzi e 4 assist in un match che interpreta bene sin dal primo minuto di gioco. Si guadagna tanti viaggi in lunetta grazie alle sue penetrazioni ed è uno degli artefici della rimonta che ha visto la Fortitudo tornare sul -1 dopo aver accumulato uno svantaggio anche di 13 punti. 

DURHAM 5,5 - patisce il confronto con Hackett e Teodosic. Non gioca sottotono, ma non riesce mai davvero ad essere incisivo. Sono 9 i suoi punti, con 4 rimbalzi e 1 assist in una gara che non gioca al massimo delle sue potenzialità.

ARADORI 5 - non merita un voto inferiore viste le condizioni fisiche con cui arriva al derby: in dubbio fino alla vigilia, viene inserito tra i dodici, ma gioca pochissimo e non entra mai davvero in partita. 

BORRA 5 - il ragionamento fatto per Aradori vale anche per il secondo centro della Kigili: fermato da un virus intestinale alla vigilia del match, gioca al massimo delle sue possibilità, mettendo a referto anche 2 rimbalzi. Non riesce a contribuire alla causa e a dare sostegno al suo compagno di reparto. 

CHARALAMPOPOULOS 4,5 - il peggiore dei giocatori in buona condizione fisica della Fortitudo. E' meno incisivo in fase offensiva rispetto al solito, gioca pochi minuti e patisce i suoi avversari in difesa. Per lui 5 punti, 4 rimbalzi e 2 assist: è il vero assente della Kigili dal punto di vista realizzativo. 

FELDEINE 5,5 - si merita mezzo voto in più a causa dei problemi fisici che non gli hanno permesso di giocare tante partite da quando veste la canotta della Fortitudo. In dubbio fino all'ultimo come Aradori, viene recuperato in extremis da coach Martino in vista del derby e quando gioca riesce a dare il suo apporto. 8 punti e 4 assist per lui. La tripla mancata del pareggio è la sua, ma non gliene si può fare una colpa. 

MARTINO 5 - la sua squadra mette in campo grande orgoglio, giocando con il giusto spirito sin dalle prime battute, ma in qualche situazione la sua gestione è rivedibile. Non inserisce Procida nei minuti finali, scelta quantomeno discutibile vista la grande prestazione fornita fino a quel momento dal giovane talento italiano, e non riesce a disegnare un attacco funzionale ed efficace negli ultimi dieci secondi di gara. 

 


💬 Commenti