Seguici su Twitch

La Virtus vince Gara 1 ma si fa male Shengelia

La Segafredo trova una vittoria non scontata contro una Pesaro che mette tutta la propria grinta in campo. Esterni bianconeri decisivi.

Scritto da Alessandro Iannacci  | 
Cordinier (Foto Virtus Bologna)

Successo per la Virtus Bologna (82-76) all'esordio nei playoff 2022. Gli uomini di Scariolo domano una Pesaro mai doma, trascinati dai canestri dei giocatori più rappresentativi. Pesaro sim affida ad un'ottima percentuale dall'arco e ad una fisicità non sempre legale. Bologna, però, è più forte e vince una partita non semplice dopo la festa per l'Eurocup. Da valutare le condizioni di Toko Shengelia, caduto male sulla caviglia e rientrato anzitempo negli spogliatoi con tanto dolore.

LA CRONACA

Pesaro approccia con carattere, tenendo testa alla Segafredo con Sandford e Jones. Shenghelia realizza dal pitturato per il +3 (8-5). Jones e Sanford sono ancora efficaci dal campo, ma Weems si iscrive alla sfida con la prima tripla personale e il passaggio che manda in lunetta Jaiteh. Bologna scappa, ma il predominio di Jones a rimbalzo em la bomba di Zanotti rimettono gli uomini di Banchi a -1 (15-14). Shengelia e Belinelli costruiscono dall’arco il +7 Virtus e coach Banchi ferma il gioco per parlarne con i suoi. In chiusura di primo quarto Sanford e Tambone puniscono le VuNere dal perimetro e Lamb regala ai suoi il -1 (23-22). Sampson e Belinelli ristabiliscono subito le gerarchie e Cordinier segna dall’angolo il canestro del 32-24. La Carpegna Prosciutto non demorde, ritrovando velocemente il -5 e costringendo Scariolo a chiamare time out. Tambone da tre fa -1 (33-32). Gli ospiti toccano il primo vantaggio, ma Tessitori firma il contro sorpasso con un le sue sportellate e con la bomba del 38-34. Bologna difende bene e prima della sirena Weems e Belinelli trovano i canestri importantissimi del 45-36.

 

Pesaro torna in campo con il consueto atteggiamento battagliero. Moretti fa -4 dall’arco, ma Shengelia risponde con la stessa medaglia per il 49-42. Shengelia cade male sulla caviglia segnando in contropiede ed è costretto ad uscire dal campo molto dolorante. Pesaro tocca con Moretti e Sanford il -2, costringendo Scariolo a chiamare time out per rimettere in carreggiata i suoi. Pesaro alza il livello della propria difesa con interventi al limite, ma la Virtus è brava a far circolare il pallone e Belinelli rimette gli avversari a -7. Sampson segna in contropiede e Banchi corre ai ripari con un time out. Bologna però vuole mettere le mani sulla partita e Belinelli segna sulla sirena e fuori equilibrio il +8 (62-54). Sanford commette il suo quarto fallo e Hackett allunga ancora con il suo primo canestro dal campo. Pesaro è ancora viva e i suoi tiratori puniscono lo schieramento difensivo dei padroni di casa e rimettendosi a -3 con la tripla di Zanotti. Sampson segna un piazzato importante, ma nel ribaltamento di campo commette il quarto fallo personale, regalando a Lamb i 3 liberi del -2 (67-65). Jaiteh e Weems reagiscono di grinta e personalità con due canestri che rimettono Pesaro a due possessi di distanza. Cordinier fa +9 con un gioco da 3, ma la Carpegna Prosciutto non muore mai e a 1 minuto e 24 dal termine torna a -3. In volata è decisiva una buona difesa e la schiacciata di Jaiteh. Le VuNere vincono 82-76.


💬 Commenti