Brindisi batte una Fortitudo combattiva

Per 30 minuti Bologna rimane attaccata alla sfida, poi Perkins e Zanelli concretizzano lo strappo decisivo.

Scritto da Alessandro Iannacci  | 
Il finale di Brindisi-Fortitudo (Foto Fortitudo Bologna)

La Kigili esce sconfitta dal PalaPentassuglia 105-93, nonostante una prestazione coraggiosa. Per tre quarti la squadra di Martino è rimasta in partita, restando attaccata con le unghie alla sfida nonostante una Brindisi in grandissimo spolvero dall’arco (16/25). Buone indicazioni da Durham, autore di 13 punti e 8 assist e capace di portare in campo una buona regia. Bene in attacco anche Benzing (23), Aradori (18) e Totè (16 punti e 6 rimbalzi). Rimangono troppi, però, i 103 punti subiti, con i 18 punti di Zanelli e i 17 di Josh Perkins.

 

La Fortitudo tiene testa nei primi minuti innescando Benzing e Aradori. Brindisi tenta il primo allungo a metà primo quarto: Redivo serve un assist ad Adrian e segna il canestro del 13-7. Totè non è preciso dal’area e in contropiede Visconti realizza il +8, costringendo Martino a chiamare il primo time out della partita. I biancoblù reagiscono sul fronte offensivo, ma Visconti è on fire e si guadagna i 3 liberi del 21-12. Durham innesca Totè e nell’azione successiva mette a referto i suoi primi 3 punti con la maglia della Effe dall’arco. Il playmaker dà segnali incoraggianti nei suoi possessi, trovando i due assist per Totè e il libero del -4 Fortitudo (28-24) di fine primo quarto. Aradori accorcia ancora, ma l’ennesima bomba di Brindisi (6/7 fino ad ora) lancia i pugliesi verso il nuovo strappo: in contropiede la squadra di Vitucci trova agevolmente la via del canestro, tornando sul +10 in un lampo. Aradori rompe il parziale con una bomba, ma Udom risponde con la stessa arma nel capovolgimento di fronte. La squadra di Martino prova a rimanere a contatto, ma Brindisi è infallibile dall’arco e trova con la nona tripla della partita il 47-35.  Gudmundsson entra in partita per un assist a Totè e la Fortitudo torna sotto alla doppia cifra di svantaggio, convincendo Vitucci a fermare il gioco sul 55-47. Su questo risultato si chiude il primo tempo, con una Effe in partita nonostante le altissime percentuali da fuori dei padroni di casa.

 

La Fortitudo rientra bene dagli spogliatoi. La difesa di squadra è buona e Ashley realizza un personale parziale di 4 punti per il -4 biancoblù. Brindisi torna a segnare ma la Effe gioca, facendo circolare bene il pallone con Durham, che traccia due assist perfetti per Benzing e Gudmundsson. Nick Perkins tiene a tre possessi di distanza gli avversari dalla lunetta e Josh Perkins punisce gli errori offensivi di Bologna trovando il canestro del +12 (72-60). In chiusura di terzo quarto gli uomini di Martino si avvicinano. Ashley raccoglie un lancio millimetrico di Durham e approccia in velocità il -7 (79-72) dopo 30’ di gioco. Zanelli prova a guidare i compagni verso lo sprint vincente, mentre la Effe perde due possessi importanti con Durham e Baldasso. Anche i tentativi di Aradori si spengono sul ferro e Zanelli, ancora lui, capitalizza con due triple di striscia il parziale del +15 Brindisi (89-74). La Fortitudo tenta di riaprire la sfida con un parziale di 7-0, ma Adrian realizza il nuovo +13 e la palla persa da Gudmundsson delinea i titoli di coda sulla partita. Brindisi vince 105-93.

FORTITUDO KIGILI BOLOGNA

Gudmundsson 3, Aradori 18, Durham 13, Benzing 23, Totè 16, Ashley 14, Pavani ne, Procida ne, Richardson 4, Baldasso 2


💬 Commenti