Primavera 1, Bologna - Torino finisce 1 a 1. Espulso Pagliuca

Alla rete di Pagliuca risponde Vianni, con il centravanti rossoblù che lascia i suoi in 10 nella ripresa

Scritto da Giacomo Guizzardi  | 

Andrea Viviani, in azione oggi contro il Torino (Foto: Bologna Fc)

Succede tutto, o quasi, nel primo tempo: il Bologna approfitta di una bella giocata di Pagliuca, destro a giro sul secondo palo, per trovare il vantaggio, mentre il Torino sviluppa il gol del pareggio sull’asse Horvath-Cancello, con il primo che crossa e trova la perfetta girata in rete di Vianni. Poi, tanti falli, tanti errori, due debutti (Maresca e Tosi) e anche un cartellino rosso, all’indirizzo di Pagliuca, reo di aver calciato via il pallone dopo un fischio arbitrale e di avere colpito, sembrerebbe involontariamente, proprio il direttore di gara. Bologna - Torino, giocatasi al ‘Galli’, termina 1 a 1: un pareggio che non scontenta, e non accontenta, nessuno, e che mantiene le distanze in classifica tra le due squadre invariate. Sabato mattina, l’occasione per il Bologna di tornare alla vittoria, contro l’Ascoli: quest’oggi positiva la prova di Acampora, al rientro da titolare mesi dopo l’ultima volta, mentre ancora una volta ha stentato Vergani.

 

Le formazioni

Zauri ne cambia 3 rispetto alla sconfitta contro il Sassuolo: davanti attacco pesante, con Rocchi, Vergani e Pagliuca, in mediana c’è Roma al posto dell’infortunato Grieco e dietro, nel ruolo di terzino sinistro, si rivede Acampora, schierato al posto di Montebugnoli, squalificato. 4-3-1-2, invece, per il Torino di Cottafava, che alle spalle di Cancello e Vianni schiera Horvath. Dall’inizio l’ex Portanova. 

 

La partita

Ci prova subito Vianni, che da azione di calcio d’angolo non trova la rete: su punizione Kryeziu non inquadra la porta, spedendo alto, mentre al 24’ è preciso il lancio di Rocchi per Pagliuca, che addomestica il pallone, guarda Sava e lo punisce con un destro a giro sul quale il portiere del Torino non prova nemmeno a tuffarsi. Vantaggio Bologna. Ma dura 10 minuti: prima Molla salva su Celesia, poi il terzetto offensivo granata confeziona l’azione del pareggio, con Vianni che dimenticato in area colpisce i rossoblù, e riporta i suoi in gara. Continella prova a cercare il vantaggio, così come Rocchi e Pagliuca sull’altro fronte, ma i primi 45’ di gioco si esauriscono sull’1 a 1.

 

Nella ripresa le azioni pericolose stentano, anche a causa di una partita giocata in maniera maschia - aiutata dal metro di giudizio del direttore di gara - con le due formazioni che faticano a creare pericoli dall’una o dall’altra parte. Ci provano Arnofoli e Pagliuca, senza successo, ma al 30’ la partita cambia, o almeno aveva la chance di cambiare: l’arbitro fischia un fallo ai danni del Bologna, Pagliuca si ritrova il pallone davanti e lo scalcia, colpendo il signor Longo di Paola che non esita a mostrare al numero 10 rossoblù il rosso diretto, costringendolo, con ogni probabilità, a saltare le prossime due gare (Pagliuca, diffidato, era anche stato ammonito nel corso della gara). Nel finale esordi per Tosi, centrale di difesa, e per Maresca, mediano, con il Torino che non sfonda e che si deve, soprattutto per demeriti propri, accontentare del pareggio.


 

Il tabellino della gara

Bologna - Torino 1-1

Bologna (4-3-3): Molla; Arnofoli, Milani, Khailoti (20’ st Tosi), Acampora; Viviani, Farinelli, Roma (20’ st Maresca); Rocchi (42’ st Annan), Vergani, Pagliuca. 

Allenatore: Luciano Zauri. A disposizione: Prisco, Motolese, Pietrelli R., Pietrelli A., Cudini, Di Dio, Cossalter, Paananen, Sigurpalsson. 

Torino (4-3-1-2): Sava; Todisco, Spina, Portanova, Celesia; Continella (38’ st Gyimah), Kryeziu, Greco; Horvath; Vianni (44’ st Oviszach), Cancello (41’ st Lovaglio).

Allenatore: Marcello Cottafava. A disposizione: Girelli, Nagy, Aceto, Tesio, Larotonda, Fimognari, Favale, Fiorenza.

 

Reti: 24’ pt Pagliuca (B), 35’ pt Vianni (T).

Ammoniti: Rocchi, Pagliuca (B), Spina, Cancello (T).

Note: al 30’ st espulso Pagliuca, rosso diretto.

Recupero: 0’ e 4’.

Arbitro: Longo di Paola. 

 


💬 Commenti