Seguici su Twitch

Primavera 1, il punto sulla quindicesima giornata: gol e risultati

Vince ancora la Roma, alla Juventus il derby contro il Torino

Scritto da Giacomo Guizzardi  | 
Juventus, l'esultanza di Iling-Junior (Foto Juventus Youth)

Riprende in maniera pirotecnica il campionato Primavera 1, che regala, con il quindicesimo turno andato in archivio da poche ore, gol, emozioni e tante giocate spettacolari, per una ripresa che fa ben promettere in vista del prosieguo del campionato.

A distanza di circa un mese dalle ultime gare disputate, anche le squadre Primavera sono quindi tornate in campo, con i giocatori delle formazioni Under 19 attesi ora da un tour de force non indifferente, visto che si giocherà, di media, ogni tre giorni.

Le partite del 15° turno

Venerdì 28 gennaio si sono giocate le prime partite, con la Roma di De Rossi che ha ricominciato il suo campionato vincendo e consolidandosi sempre più in testa alla classifica: contro il Cagliari di Agostini la decide Tahirovic, che nel primo tempo segna il gol che vale l’1 a 0 finale, mentre l’altro grande protagonista di giornata è Mastrantonio, bravo a parare il rigore di Manca che poteva valere l’1 a 1. 

Vince invece la Sampdoria ai danni del Lecce (3 a 1 il finale in Salento): la squadra di Tufano si trova subito sotto, trafitta dalla rete di Gonzalez, ma la doppietta di Di Stefano e il gol finale di Montevago mandano al tappeto la formazione di Grieco. 

La Fiorentina batte il Bologna 2 a 1, come vi abbiamo raccontato venerdì pomeriggio, costringendo i rossoblù di Vigiani al decimo stop in campionato in appena 14 gare disputate, mantenendo alta l’attenzione su una classifica che spaventa sempre di più.

LEGGI ANCHE: La Primavera sbatte sulla traversa: Bologna sconfitto 2 a 1 dalla Fiorentina

Tutto facile, invece, per il Sassuolo di Bigica, che nella gara interna contro il Pescara si impone per 2 a 0: in gol nel primo tempo Flamingo, su rigore, mentre nella ripresa ci pensa il solito Samele a chiudere la contesa. 

Il sabato di calcio giovanile si apre con il pirotecnico 3 a 3 tra l’Hellas Verona (prossimo avversario del Bologna) e l’Atalanta, in una gara che alla fine regala un punto a testa alle due formazioni: parte meglio l’Hellas, che segna l’1 a 0 con Bosilj; l’Atalanta non si piega e nel giro di dieci minuti la ribalta, prima con Ceresoli poi con Bernasconi. Alla mezzora l’Hellas la riapre con Yeboah, su rigore, prima di firmare il 3 a 2 a cinque dalla fine con Florio. La zampata finale è però di Oliveri, in pieno recupero: la conclusione del numero 14 di Brambilla vale il 3 a 3 finale. 

Bella vittoria per il Napoli di Frustalupi, che aggiunge alla lista di squadre battute in campionato anche il Genoa di Chiappino: termina 2 a 1 in Liguria la sfida tra le due formazioni, con i partenopei che dopo sei minuti si trovano già avanti grazie al gol di Cioffi, poi bissato, a un istante dalla fine, da quello di Ambrosino. Per il Genoa moto di orgoglio nel finale, ma la rete di Nesci arriva troppo tardi. 

Soffre ma vince l’Inter di Chivu che in casa della Spal passa per 2 a 0, sbloccandola solo nel secondo tempo: di Fabbian e Peschetola le reti che mandano al tappeto la squadra di Piccareta, uscita rinforzata dal mercato di gennaio ma ancora in cerca di un equilibrio.

Vince anche l’altra squadra di Milano, il Milan di Giunti, che prima la sblocca con Nasti, contro l’Empoli, poi si vede rimontare: i toscani trovano l’1 a 1 grazie al nuovo arrivato Simone Lozza (centravanti ex Atalanta), ma nella ripresa si scatena ancora Nasti, che trova la sua personalissima doppietta, prima del gol di Roback che chiude il match.

Fuochi d’artificio e tanta tensione anche e soprattutto nel derby della Mole a livello giovanile: la sfida tra Torino e Juventus finisce 3 a 4, con i bianconeri che sbancano il campo di gioco dei cugini granata. La sblocca Iling-Junior - che segnerà una doppietta -, con la squadra di Coppitelli che prima segna l’1 a 1 grazie al rigore di Baeten e poi passa in vantaggio con Zanetti. La Juve non molla e prima con Bonetti, poi con Iling-Junior e successivamente ancora con Bonetti prende il largo. Nel finale, dopo il contestato 3 a 4 di Zanetti, scoppia la rissa che porta alle espulsioni di N’Guessan e Cerri. 

 

La classifica

Roma* 36

Inter 25

Sassuolo 25

Cagliari 25

Torino 24

Juventus 24

Napoli* 22

Sampdoria 22

Atalanta 22

Fiorentina** 21

Genoa* 21

Milan* 20

Empoli 17

Hellas Verona 17

Lecce 16

Spal* 14

Bologna* 10

Pescara 5


💬 Commenti