Uno dei protagonisti indiscussi dell'incredibile stagione disputata fino a questo momento in Serie A dal Bologna di Thiago Motta è certamente Riccardo Calafiori. Lunedì allo stadio Olimpico affronterà la Roma, squadra in cui è nato e cresciuto prima di trasferirsi al Basilea e successivamente approdare sotto le due torri la scorsa estate. Di seguito le sue parole rilasciate in una breve intervista ai canali ufficiali della Serie A.

Calafiori sul suo assist per Orsolini contro il Lecce

Non è uno schema, la costante è la serenità e la tranquillità con la palla. In quel momento mi sono sentito libero di occupare quella posizione. Tutto parte dal fatto che non importa chi occupa la posizione, ma occuparla.

Su Thiago Motta da giocatore ed il nuovo ruolo da centrale difensivo

Lui aveva un livello di intelligenza sopra la media, e di tanto. Sicuramente mi ha cambiato il modo di giocare, perché mi sono sempre reputato forte come atleta, ma non così pensante. Mi ha aiutato a capire i momenti, mi rendo conto che ora leggo meglio le partite. Ho sempre avuto la capacità di trascinare gli altri, la mia volontà di andare su ogni pallone si vede dall'esterno, e lo capiscono anche i compagni.

Riccardo Calafiori
Riccardo Calafiori in contrasto con Niccolò Cambiaghi (ph. Image Sport)

Bologna, una città intera che sogna

Soprattutto nelle partite in casa si vede l'unione tra noi, lo staff ed i tifosi. Una cosa unica che si è creata. I tifosi continuano a seguirci fino all'ultimo. Rispetto a inizio anno ci fermano molte più persone e ci ringraziano già adesso, anche se io dico che dobbiamo ancora ottenere qualcosa di importante, ma loro a prescindere ci ringraziano per quello che gli stiamo facendo vivere.

Roma-Bologna, sfida contro il proprio passato

Spesso mi sento con compagni e ragazzi dello staff, sono stato li 10-11 anni e conosco un po' tutti. Sono più in contatto con Bove. Nello stesso anno in cui mi sono fatto male De Rossi era uno dei miei giocatori preferiti, e da un momento all'altro mi accompagnava al campo e riportava a casa. Mi ha aiutato allo stesso livello del chirurgo e dei medici che mi sono stati vicini. In campo saremo “nemici”, perché presi dalla partita penseremo poco al resto.

LEGGI ANCHE: Roma-Bologna: il confronto statistico tra le squadre di De Rossi e Motta

Motta: "Ferguson è unico. Enorme ammirazione per De Rossi, servirà una grande prestazione"
Bologna, Kristiansen e Saelemaekers: il loro riscatto passa anche dalla Champions

💬 Commenti

Testata giornalistica
Autorizzazione Tribunale di Bologna
8577 del 16/03/2022

Copyright 2023 © Sphera Media | Tutti i diritti sono riservati |
È vietata la riproduzione parziale o totale dei testi senza il preventivo consenso scritto dell’editore.

Sphera Media è iscritta nel Registro degli Operatori di Comunicazione con il numero 39167

Powered by Slyvi