La Virtus torna alla vittoria, battuta Pesaro 88-75

La Segafredo porta a casa una partita più complicata del previsto, rispedendo al mittente tutti i tentativi di rimonta pesaresi.

Scritto da Alessandro Iannacci  | 
Isaia Cordinier (Foto Virtus Segafredo Bologna-Matteo Marchi)

La Virtus Bologna torna alla vittoria in campionato dopo le sconfitte di Napoli e Tortona (a Casale Monferrato). Al Paladozza una Pesaro combattiva rimane in partita fino agli ultimi minuti, sfruttando alcuni vuoti mentali della Segafredo, ma nell'ultimo quarto gli uomini di Scariolo riescono a dare lo strappo vincente portando a casa un risultato importante per il morale. Migliori in campo Hervey (18 punti e 8 rimbalzi), Weems (18 punti) e uno straordinario Cordinier in entrambe le fasi. 

Sanford scuote la retina del Paladozza con la prima tripla del match. Hervey guida i primi attacchi della Virtus con 4 punti personali, ma Pesaro rimane avanti con la bomba dall’angolo di Delfino. Ancora Hervey dall’arco e Pajola in contropiede firmano il primo +3 per la Segafredo che spinge coach Banchi a fermare immediatamente il gioco sul 9-6. Pesaro non segna dall’area, ma trova punti da 3 con i canestri di Delfino e Larson. Gli ospiti firmano un altro break di 5-0 e  Scariolo corre ai ripari chiamando time out sull’ 11-16. Cordinier ferma la corsa dei biancorossi con la tripla e con la penetrazione del -5, ma Moretti trova spazio con troppa facilità in area e realizza il 16-20. In chiusura di quarto Mannion accorcia dalla lunetta, ma sbaglia grossolanamente il tiro del -1. I primi 10’ terminano 18-21 in favore della Carpegna Prosciutto. Ad inizio secondo quarto la Segafredo trova il sorpasso con il contropiede di Weems. Cordinier, migliore in campo in entrambe le fasi nei primi 12 minuti, capitalizza cinicamente con la tripla del 27-23 un errore dall’arco di Moretti. Zanotti tiene a contatto Pesaro con l’appoggio del -4 (29-25). Hervey trova ancora dall’arco il dodicesimo punto della sua partita e Tessitori sfrutta il piede perno per il +11, massimo vantaggio per Bologna. Moretti guida Pesaro sotto la doppia cifra di svantaggio e Larson accorcia ulteriormente con la bomba del -6 (39-33). La Virtus accelera ulteriormente, trovando con la tripla dal’angolo di Weems il nuovo +11 a un minuto dall’intervallo. Nei 60’’ restanti un fallo antisportivo di Teodosic consente agli ospiti di rientrare sul -6. Belinelli viene sanzionato con un tecnico dopo aver protestato per un fallo non fischiato, ma Cordinier rimette tutto in ordine sulla sirena guadagnandosi i liberi del 48-41.

 

Weems realizza un parziale personale di 6 punti per il 54-44, ma Sanford è concreto dall’arco e riporta i suoi a -7. L’appoggio di Delfino da sotto vale il -5, ma Hervey si sblocca anche nel terzo quarto. La Virtus spreca alcune occasioni in attacco, ma ancora una volta è Kyle Weems a dare linfa all’attacco bianconero con la tripla del 61-53. Zanotti realizza il gioco da 3 del nuovo -5, ma Tessitori lotta sotto canestro e ricostruisce il +7. In chiusura di terzo quarto le Vnere sono in vantaggio per 65-59. La Segafredo inizia bene l’ultima frazione, trovando con Alexander il nuovo +9 (68-59). Zanotti e Tambone tengono in vita Pesaro dall'arco, ma Mannion, Teodosic e uno scatenato Cordinier tengono Bologna sul +10 (77-67). Hervey e Jaiteh allungano ulteriormente fino all'82-67 e negli ultimi minuti i padroni di casa controllano fino all'88-75 finale. 


💬 Commenti