Virtus, Ojeleye: "Fin da quando sono arrivato il mio obiettivo è stato vincere. Teodosic eccezionale, ma finchè non ci giochi insieme..."

L'ala americana delle Vnere ha rilasciato un'intervista al "Corriere di Bologna"

Scritto da Andrea Riva  | 
Semi Ojeleye (Foto Virtus Bologna)

L'ala statunitense di origine statunitense della Virtus Bologna, Semi Ojeleye, ha rilasciato un'intervista al quotidiano “Il Corriere di Bologna” dove ha parlato di vari argomenti, tra cui quello del suo inserimento in squadra, dopo l'arrivo nel capoluogo emiliano nel luglio scorso.

Semi Ojeleye, le sue parole

VITTORIA VS OLIMPIA IN EUROLEGA: “Noi crediamo di valere quel livello e di avere molto da dimostrare. Sappiamo anche che nel corso della stagione saremo ancora migliori e aver vinto contro un'avversaria di quel livello fa vedere che possiamo giocarcela con tutti”.

INSERIMENTO CON LA VIRTUS: “Sta andando molto bene. Fin da quando sono arrivato il mio obiettivo è stato vincere, mi concentro su questo in ogni allenamento e partita, non importa se ho avuto una brutta o buona giornata tutto va nella direzione di aiutare la squadra per quello”.

NBA VS EUROPA, DIFFERENZA REGOLE: “L'assenza dei tre secondi difensivi è qualcosa che cambia molto la mia prospettiva. C'è un'enorme differenza sul piano delle spaziature e ho realizzato che qui più giocatori toccano la palla e più sono le possibilità di fare canestro. In Nba si gioca molto sugli isolamenti, qui se batti il tuo uomo c'è subito un aiuto pronto”.

TEODOSIC: “Giocatore eccezionale. Al primo allenamento mi ha fatto un passaggio senza guardarmi, dal nulla. Avevo visto i suoi filmati prima di venire qui, non mi ha sorpreso ma finché non ci giochi insieme non apprezzi veramente che clamoroso giocatore sia”.

LEGGI ANCHE: Lundberg: "Contro Valencia vedrete una Virtus affamata. Dobbiamo crescere in difesa"

 


💬 Commenti