L'edizione odierna del Resto del Carlino riporta le parole dell'ex portiere rossoblù Marco Ballotta. Nato nel 1964, l'anno dell'ultimo scudetto a tinte rossoblù, Ballotta è cresciuto nel Bologna, senza tuttavia esordire in prima squadra. L'ex portiere ha parlato, oltre che del momento del Bologna, anche di alcuni singoli, come ad esempio Zirkzee e Ferguson, oltre che di Skorupski e Ravaglia.

L'esperienza a Bologna

È una squadra che seguo con grande simpatia. E il club con il quale mi sono formato. Anche se… Anche se? Ho fatto parte dell'organico della società nei primi anni Ottanta, mescolando A, B e C. Diverse stagioni, nessuna presenza. Poi arrivo Gino Corioni, lo ero stato mandato in prestito l'anno precedente al Modena. Corioni lasciò andare tutti i prestiti. Rimasi a Modena, la mia carriera è iniziata li.

Il Bologna di oggi

Scelgo tre aggettivi: spettacolare, inaspettato e concreto. ll Bologna non é li per caso. C'è un grande lavoro alle spalle. La squadra segue bene le direttive di Thiago. Sartori ha messo in piedi un bell'organico. E la società è solida. Con la Champions ci può essere la svolta. Perché la Champions, lo sappiamo, porta benefici economici. Non era prevista, ma se dovesse dovese arrivare, come mi auguro, penso che spingerebbe Saputo a investire di più. Il Bologna non è una meteora.

Lewis Ferguson e Joshua Zirkzee

Chi mi piace di più? Dico Ferguson, ma è il gruppo che fa la differenza. Thiago monta e smonta il giocattolo. E il risultato è identico. Gruppo unito e compatto. Oltre a Ferguson? Non dico nulla di originale: Calafiori e Zirkzee. Joshua non è un bomber nel senso classico. Gioca per la squadra. Penso che provi più soddisfazione a fare l'assist che a segnare. Faccio fatica a fare paragoni. Ha fisicità e velocità. Ma due piedi educati e grande sensibilità. Mi verrebbe da dire Roberto Mancini, per la predisposizione al passaggio. Ma il Mancio non aveva quel fisico li. E poi..... Dico Totti. Ma, ripeto, con quel fisico li...

Ferguson e Zirkzee
Lewis Ferguson e Joshua Zirkzee esultano dopo il gol all'Atalanta (ph.Image-Sport)

L'alternanza dei portieri

Ecco, non sempre porta bene. Al Bologna si. Perché? Parto da un aspetto. Non ho letto una polemica che sia una. E Thiago tratta i portieri come i giocatori di movimento. Thiago è stato chiaro. E l'alternanza diventa uno stimolo per entrambi. Skorupski, che è il titolare, sa che deve migliorare sempre. Ravaglia, che sulla carta é il secondo, sa che può essere utilizzato in qualsiasi frangente. E non molla mai.

LEGGI ANCHE: Verso Bologna-Monza, differenziato per Jens Odgaard

 

Fortitudo, Caja: "E' cambiato lo spirito di questa squadra"
Verso Bologna-Monza, out Odgaard e Saelemaekers. Si rivede Beukema. Due diffidati in difesa...

💬 Commenti

Testata giornalistica
Autorizzazione Tribunale di Bologna
8577 del 16/03/2022

Copyright 2023 © Sphera Media | Tutti i diritti sono riservati |
È vietata la riproduzione parziale o totale dei testi senza il preventivo consenso scritto dell’editore.

Sphera Media è iscritta nel Registro degli Operatori di Comunicazione con il numero 39167

Powered by Slyvi