Seguici su Twitch

Virtus-Bursaspor, le pagelle: bene Jaiteh, ma l'MVP è Weems

I nostri voti ai bianconeri dopo la vittoria sofferta contro il Bursaspor

Scritto da Alessandro Iannacci  | 
Il finale di Virtus-Bursaspor (Foto Virtus Bologna - Matteo Marchi)

TESSITORI 6,5 - il suo è un apporto sostanzioso dalla panchina. Sfrutta le enormi difficoltà mostrate da Sampson e si ritagli il suo spazio nel match, diventando un’alternativa efficiente a Jaiteh. Si fa trovare pronto e Scariolo apprezzerà sicuramente.

 

CORDINIER 7 - trae giovamento dalle partite con la Francia e torna a Bologna con la grinta e la forza che tutti si aspettavano. Chiude con 17 punti e 6 rimbalzi, contribuendo in modo decisivo anche nei minuti finali. Una grande arma ritrovata

 

MANNION 4,5- dopo i botti in nazionale, con la Virtus torna a mostrare tutte le sue fragilità in entrambi i lati del campo: in difesa non chiude mai con i tempi giusti e in attacco non riesce ad essere un fattore. Con l’arrivo di Hackett potrebbe avere ancora meno fiducia, ma lui non fa niente per uscire dal limbo.

 

BELINELLI 6,5 - con il suo secondo quarto infuocato dall’arco guida la rimonta bianconera, polverizzando rapidamente il gap di 12 punti. Nel secondo tempo non riesce più ad imporsi e chiude con i 12 punti dei primi 20 minuti. Comunque importante nell'economia del match

 

PAJOLA 6,5 - non si risparmia mai ed è anche efficace anche al tiro, raggiungendo la doppia cifra e capitalizzando anche da 3. L'arrivo di Hackett alleggerirà la pressione sulle sue spalle e gli consentirà di respirare un po'.

 

ALIBEGOVIC 5,5 - non lascia la sua impronta nel match. Il ritorno di Hervey limita notevolmente il suo impiego e in partite di questa importanza torna ad essere un gregario. Anche i gregari, però, dovrebbero dare il loro contributo nel match…

 

HERVEY 6 - non si rende protagonista al tiro, ma a rimbalzo è una sicurezza e recupera 8 palloni importanti. Deve ancora ritrovare la fiducia al tiro e commette errori molto pericolosi negli ultimi minuti del match. La forma migliore sembra ancora lontana

 

RUZZIER ne

 

JAITEH 7,5 - ennesima partita da fattore decisivo per il centone francese. Tocca la doppia cifra già nel secondo quarto e alla fine realizza la sua miglior prestazione di sempre in Eurocup (23 punti). Fin dai primi minuti diventa continuamente il terminale offensivo bianconero da alternare ai giochi sul perimetro. Crea tanta densità in area e se il Bursaspor è meno efficace dall’area è anche grazie a lui.

 

SAMPSON 4 - impatto disastroso con la partita. Scariolo lo toglie dopo palle perse e buchi difensivi evidenti, preferendogli Tessitori. Quando rientra in panchina gli dedica anche una ramanzina. Nel secondo tempo le cose non migliorano e con lui in campo la Segafredo riduce drasticamente il suo vantaggio. Serve ragionarci sopra

 

WEEMS 8 - bene nel primo tempo ma scompare per gran parte della seconda frazione. Nel finale però e decisivo e i suoi 8 punti consecutivi regalano una vittoria fondamentale a Scariolo e ai compagni. Per l'importanza dei suoi 18 punti segnati è l'MVP del match.

 

TEODOSIC 6,5 - tanti errori in impostazione, anche se tocca la doppia cifra di assist. Non è il miglior Teodosic, ma riesce comunque a dettare i ritmi della squadra e a guadagnarsi, come sa, i liberi che tolgono Bologna da una situazione pericolosa


💬 Commenti