Seguici su Twitch

La Virtus Bologna vince l'Eurocup e conquista l'Eurolega

Viittoria meritata per la Segafredo, che guida la finale dal primo quarto con grande freddezza e vince 80-67.

Scritto da Alessandro Iannacci  | 
Kyle Weems (Foto Virtus Bolkogna)

Un trofeo voluto e meritato per la Virtus Segafredo Bologna, che nella finale di Eurocup batte 80-67 una tenace Bursaspor prendendo la testa nei primi minuti della partita. Nel corso del match i bianconeri toccano più volte il +15, ma devono rispedire al mittente i tentativi di rimonta individuali firmati Dudzinski, Holland, Needham. Protagonista indiscusso Teodosic con 21 punti a referto, mentre nel secondo tempo la decide Jaiteh. 

 

LA CRONACA

Dudzinski fa sentire la sua forza sotto canestro aprendo le danze, ma Teodosic dall’arco e Shengelia dalla lunetta regalano il primo vantaggio alla Virtus (4-2). I bianconeri provano a riempiono di falli i giocatori del Bursaspor, i quali fanno girare molto bene il pallone in attacco e trovano il nuovo +1 con la bomba di Needham. Lo stesso numero 5 biancoverde e Hayes vengono sanzionati con due falli personali a testa, e coach Alimpijevic, eletto miglior allenatore del torneo, è costretto a richiamarli in panchina. Frutti Extra è già in bonus dopo tre minuti e mezzo, mentre un infuocato Teodosic e Jaiteh firmano il primo +4 (11-7). Weems allunga dal perimetro e le squadre conquistano la prima pausa per time out televisivo. Jaiteh colleziona una serie di errori da sotto che non appartengono al suo bagaglio, ma la difesa bianconera è solida e il 2/2 di Hervey dalla lunetta mette le VuNere a +9. Il Bursaspor torna a sbloccarsi dall’arco con Al, ma Bologna risponde con Sampson. Il primo quarto si chiude con i padroni di casa avanti per 25-12 grazie ad una grande difesa. Holland si iscrive al match con la bomba del -10, ma la virtus riesce a alzare il ritmo, recuperando possessi in difesa e lanciandosi in velocità verso il nuovo +14 (29-15). Alimpijevic chiama time e out, anche perché deve registrare la fase offensiva dei suoi dopo il terzo fallo di Needham. Gli ospiti restano a galla con un’invenzione di Andrews e Bitim peer il 31-20. Weems è una sentenza dall’arco, anche se l’attacco della Segafredo si inceppa un po’ grazie alla buona intensità dei turchi. Scariolo ferma il gioco per parlarne con i suoi, ma il punteggio continua a vivere una fase di stallo e soltanto i liberi consentono al Bursaspordi rimettersi a -10. Teodosic torna a far scorrere il tabellino della Virtus con una tripla di grande classe e la Segafredo passa indolore anche il fallo antisportivo di Jaiteh (già terzo personale per lui). Dopo un’azione rocambolesca Sampson firma il massimo vantaggio bianconero (+15). Needham commette il suo quarto fallo e le squadre conquistano gli spogliatoi sul 41-31.

 

Hayes rosicchia qualche punto dalla lunetta, ma Weems punisce la pessima rotazione difensiva di Bursaspor con la tripla del 44-33. Sampson e Teodosic rispediscono al mittente i tentativi di rimonta avversari e Shengelia trova il primo canestro dal campo per il +15. Gli ospiti sono bravi a rientrare con un parziale di 80 fino al 50-43, mentre la Segafredo riesce a bloccare la rimonta con due liberi di Weems. Teodosic accende la Segafredo Arena con due triple che mandano gli avversari a -15 e costringono Alimpijevic a chiamare time out. In chiusura di terzo quarto i turchi toccano il -9 trascinati da Bitim (62-53). Jaiteh si prende l’area con il gancio del +11, ma Brursaspor non molla e con needham fa -7. Bitim rimette definitivamente in partita i suoi con l’arresto e tiro del 64-59 e Scariolo corre ai ripari chiamando time out. Jaiteh e Shengelia rispondono presente con il parziale del +10. Belinelli risponde da tre ad un grande canestro di Needham. Il Frutti Extra si affida a Dudzinski, che non sbaglia dall'arco, ma la Segafredo è ancora brava a tenere invariato il vantaggio. Una stoppata fragorosa di Weems vale la vittoria e la Segafredo alza la coppa battendo Bursaspor 80-67.


💬 Commenti