Freuler in questo inizio di stagione ha trovato la sua collocazione in mediana con il connazionale Aebischer, e con lui ed i compagni vuole proseguire al meglio una stagione che fino ad oggi si può definire di altissimo profilo. Ecco le parole di Remo Freuler nell'intervista rilasciata all'edizione odierna della Gazzetta dello Sport.

Possibile percorso in stile Atalanta

Alla fine sono i risultati a fare tutto. Servono quelli, il resto arriva di conseguenza. Perché fare risultato aiuta tutti, i giocatori a insistere in ciò che fanno e anche la società a crescere, a capire, a muoversi nella maniera giusta. Ma sì, le basi per costruire qui la nuova Atalanta ci sono, si vedono: la voglia di arrivare, l'organizzazione, i giocatori giusti. Però servono sostegno e pazienza: quello che si è creato, l'Atalanta non l'ha fatto in un anno. Io arrivai a 23 anni e da lì in sei anni e mezzo ho vissuto di tutto, Mondiali, Europei e Coppe. Gasperini non è un diavolo, ho letto le critiche che gli sono state rivolte: non commento, vi dico solo che devo quasi tutto a lui”.

Sul Bologna

C'è un insieme, fra giovani bravi e ragazzi esperti, ben dosato: ma soprattutto apprezzo la mentalità che non manca mai. Mentalità di ferro. Andiamo in campo con la voglia di farcela, l'idea di dominare, sempre: è il volere di Motta. E poi ci divertiamo a giocare: in campo e anche fuori”.

Su Sartori e sulla scelta di venire sotto le due torri

Se in ogni posto in cui è stato è arrivata l'Europa, beh, un motivo ci sarà. Quando mi chiamò prospettandomi il Bologna non fu difficile dire di sì, anche perché al Nottingham non ero più felice: di gare ne avevo giocate tante, quasi tutte, poi nelle ultime cinque sono sparito dai radar. Non capivo. Chiedevo ma ricevevo solo non risposte. E ho capito. Fra l'altro anche mia moglie non si trovava alla perfezione: meglio l'Italia. E oggi sono ancora più felice del giorno in cui accettai”.

Differenze tra Freuler-Aebischer e Freuler-De Roon

Tipi diversi, anche come esuberanza di gioco. Martin poi è uno che parla sempre, Michel no ma ha altre caratteristiche: ma con lui parliamo la stessa lingua e non ci facciamo capire… L'anno scorso veniva criticato pur giocando in un ruolo non suo da ala destra? Se per una vita fai il centrocampista e d'improvviso ti chiedono di fare un altro tipo di gioco, beh, è dura. Vorrei far provare alle ali il nostro mestiere in mezzo al campo, vediamo come se la cavano…”.

Remo Freuler e Michael Folorunsho (ph. Image Sport)
Remo Freuler e Michael Folorunsho (ph. Image Sport)

Ndoye in attesa di esplodere

Dan è fortissimo, velocissimo e difende tanto. Il lavoro paga, gol e assist arriveranno. Di certo una cosa gli manca: il rigore che non gli hanno dato a Torino contro la Juve”.

Idolo e altri sport

Iniesta. Fino a 13 anni facevo l'attaccante nell'Hinwil. Amavo il tennis, il nuoto e con mio fratello Dario giocavamo spesso a hockey su ghiaccio”.

Sul suo sogno

Vincere il Mondiale con la Svizzera e un trofeo col Bologna. Comunque, di andare sempre più in alto. L'Europa? Semmai ne parleremo a fine girone d'andata, vediamo dove siamo a gennaio: parla il campo, niente altro”.

LEGGI ANCHE: Dorgu e Kristiansen: confronto tra i terzini di Lecce e Bologna

Calendario Virtus, tutti i match di Eurolega e campionato del mese di dicembre
All'ora di pranzo il Bologna vola, ma lontano dal Dall'Ara...

💬 Commenti

Testata giornalistica
Autorizzazione Tribunale di Bologna
8577 del 16/03/2022

Copyright 2023 © Sphera Media | Tutti i diritti sono riservati |
È vietata la riproduzione parziale o totale dei testi senza il preventivo consenso scritto dell’editore.

Sphera Media è iscritta nel Registro degli Operatori di Comunicazione con il numero 39167

Powered by Slyvi