Dijks: "Sto bene a Bologna, mi sento importante. Ho passato un periodo difficile e le ragazze..."

Intervista a cuore aperto del mancino olandese al portale Veronica Inside

Scritto da Marco Vigarani  | 

Nel corso di un'intervista rilasciata in patria, Mitchell Dijks ha di fatto spento le voci di mercato che lo riguardano: "Ho letto anch'io su internet dell'interesse di altre squadre ma sto bene a Bologna, mi diverto e la gente mi ama. La dirigenza e l'allenatore hanno fiducia in me. La scorsa settimana quando ero in Olanda ho ricevuto un messaggio dal direttore: 'Mitch, spero che il tuo piede stia bene. Ci vediamo presto, trattore'. Queste cose sono importanti, mi fanno sentire considerato".

Il terzino sinistro ha anche raccontato la fatica provata degli ultimi mesi per completare la stagione: "Devo dire che è stato un periodo davvero frenetico. Ero appena tornato da un infortunio poi abbiamo dovuto giocare dodici partite in un mese e mezzo scendendo in campo ogni tre giorni. Penso che sia stato il periodo più difficile della mia carriera sia sul piano fisico che mentale. A maggior ragione quindi sono stato contento di trascorrere del tempo a casa rivedendo tutti gli amici, la famiglia e non pensando al calcio".

Dijks ha poi confessato di avere ancora qualche difficoltà di ambientamento a Bologna lasciandosi andare anche a qualche battuta che ne conferma lo spirito goliardico già notato in precedenti occasioni: "Mi sento abbastanza solo perchè non ho amici. Ricevo visite regolari dalla famiglia ma il mio migliore amico in Italia è Netflix. Anche con le ragazze non è facile visto che il mio italiano è abbastanza basico. Negli ultimi tre mesi poi ho pensato davvero soltanto al calcio, mai alle donne: è stata dura (scherzando usa una locuzione diversa, letteralmente "ik had enorme ballen", ndr) ma in Olanda ho recuperato".


💬 Commenti