Al Dall'Ara, al termine del pirotecnico pareggio tra la sua Juventus e il Bologna di Thiago Motta (3-3 il risultato finale firmato dalla doppietta di Calafiori, il gol di Castro e le marcature di Chiesa, Milik e Yildiz), è intervenuto Paolo Montero. Il tecnico bianconero ha parlato così ai microfoni della sala stampa.

Sull'aver incarnato il dna Juventus

Il luna Juventus non lo porto di certo io. Il dna Juventus è lavoro, sacrificio, unione, famiglia. Ho imparato questo nel 1996 quando sono arrivato.

Sull'inizio di partita shock

L'analisi è molto semplice: per me dopo una partita importante come quella di mercoledì c'è un calo mentale che può capitare e per giunta ci siamo ritrovati contro il peggior avversario che potessimo affrontare in questo momento. Per fortuna un episodio ha cambiato la partita.

Prosegue nella pagina successiva

Le pagelle di Bologna-Juventus: Calafiori e Castro illudono, Beukema ingresso shock
Motta: "Montero è un vero amico. Aprire le porte di Casteldebole? Rispondo così. Sul futuro..."

💬 Commenti

Testata giornalistica
Autorizzazione Tribunale di Bologna
8577 del 16/03/2022

Copyright 2023 © Sphera Media | Tutti i diritti sono riservati |
È vietata la riproduzione parziale o totale dei testi senza il preventivo consenso scritto dell’editore.

Sphera Media è iscritta nel Registro degli Operatori di Comunicazione con il numero 39167

Powered by Slyvi