Ekpe Udoh: “Orgoglioso di essere qui”

Le prime parole ufficiali da giocatore bianconero del lungo nigeriano

Scritto da Alessandro Iannacci  | 
Ekpe Udoh

In mattinata la Virtus Segafredo Bologna ha presentato il neoacquisto Ekpe Udoh, che insieme a Paolo Ronci ha risposto alle domande della stampa.

Paolo Ronci: “Siamo felici di aver chiuso questa trattativa difficile con Ekpe Udoh. È un giocatore di grande esperienza che dará un grande contributo al settore dei lunghi. Sappiamo quanto sia importante avere i giusti veterani in squadra per far crescere i giocatori più giovani: Udoh, grazie al grande numero di partite importanti giocate in carriera, sará fondamentale per i compagni e potrà condividere la sua esperienza e la mentalità vincente che lo ha sempre caratterizzato. La nostra idea è sempre quella di dare all’allenatore un roster completo, che possa variare le caratteristiche del quintetto in base all’avversario. Udoh sará utile anche sotto questo punto di vista, potendo giocare come 5 e come 4. Sono soddisfatto di questa sessione di mercato: a differenza di quanto scritto da alcune testate non abbiamo ricevuto molte porte in faccia, nonostante le altre contendenti fossero societá di Eurolega. Grazie a questa proprietà non abbiamo paura di sfidare i grandi club, nel mercato vogliamo avere il coraggio di sfidare i più forti che abbiamo sempre avuto in campo

 

Udoh: “Sono orgoglioso di essere arrivato a Bologna e di essere tornato in Europa. Sono venuto alla Virtus per una serie di fattori, dal roster competitivo alla presenza di coach Scariolo. É una squadra forte che potrá affrontare al meglio una stagione lunga. Ora è presto per avere obbiettivi, dovremo dare il meglio e crescere insieme. I miei compagni italiani sono giocatori molto forti, anche in difesa grazie alla loro aggressivitá. Li ho sfidati alle Olimpiadi ed ora sono contento di averli dalla mia parte. Il mio ruolo? Sono qui per dare una mano alla squadra, ho parlato con coach Scariolo e ci saranno diverse situazioni in campo. Posso giocare da 5, ma anche scambiare posizione in campo come giá fatto con Vesely in Turchia“.


💬 Commenti