Seguici su Twitch

Bologna, così no: la Primavera cade male ad Empoli

I rossoblù, in superiorità numerica per mezz’ora, perdono 2 a 1

Scritto da Giacomo Guizzardi  | 
Paananen, oggi in ombra contro l'Empoli (foto Finessi)

Beffa? No, tutt’altro. Il Bologna Primavera cade ad Empoli, per 2 a 1, ma i protagonisti di questa sconfitta vanno cercati solo e soltanto tra le fila dei rossoblù, senza appellarsi a sfortuna o altro. I ragazzi di Vigiani, in superiorità numerica per più di un’ora, non approfittano di questo vantaggio e anzi, dopo aver pareggiato nel primo tempo con Casadei, subiscono il gol del 2 a 1 nel finale con Baldanzi, numero 10 empolese, che sfrutta appieno una ripartenza per siglare il gol che regala, in pieno recupero, tre punti fondamentali alla formazione di Buscè. L’Empoli sale a 39 punti, il Bologna rimane a 36: la zona playout, dopo la sfida valida per la 29° giornata, è distante solamente due punti. Già decisiva la gara contro il Torino di martedì. 

 

Le formazioni

Buscè torna alla difesa a 4 dopo il bruttissimo primo tempo contro l’Atalanta: rimane in panchina Pezzola, sostituito da Filì, a centrocampo Barsi e Renzi affiancano Degli Innocenti mentre in avanti c’è Baldanzi, oltre a Magazzù. Nel Bologna qualche cambio: Mercier sostituisce Motolese, Wallius si riprende il posto sull’out di destra mentre Casadei torna a giocare una gara da titolare in Primavera dopo più di due mesi (era il 9 febbraio). In panchina, tra i rossoblù, anche Rojas. 

La partita

A partire meglio sono gli ospiti che, andando spesso a cercare Raimondo in avanti, provano a sfondare le difese dell’Empoli con il loro centravanti, contenuto però bene da Filì e da Guarino. Nel momento in cui la gara sembra addormentarsi, ecco il primo momento clou del pomeriggio: lancio a cercare Magazzù, l’ex Inter si trattiene vicendevolmente con Stivanello ma l’arbitro punisce l’infrazione del difensore del Bologna, decretando un rigore – generoso, va detto – in favore dei padroni di casa. Dal dischetto si presenta capitan Degli Innocenti che non sbaglia e trova la decima rete in campionato. Il Bologna è chiamato a dare una scossa alla gara, e in realtà questo succede: prima Pagliuca non arriva sul suggerimento di Wallius, poi Magazzù si rende nuovamente protagonista, questa volta in negativo, andando a scalciare da terra Stivanello, con Maggio di Lodi che non ci pensa due volte ed estrae il cartellino rosso all’indirizzo del centravanti empolese, quando il cronometro segna il minuto 34. Ecco il momento che scuote gli ospiti: al 44’ la difesa dell’Empoli rinvia – male – un pallone, che finisce al limite dell’area dove, a raccoglierlo e farlo suo, è Casadei, bravo a controllare e calciare in porta col mancino la sfera che vale l’1 a 1. Prima rete del centrocampista in questo campionato: fiducia ripagata per l’ex Cesena. 

La ripresa si apre con una novità in casa Bologna: esce Mercier, entra Rocchi, e ospiti che si dispongono con la difesa a per fornire maggiore spinta agli attaccanti. Ma a firmare la prima occasione del secondo tempo è ancora l’Empoli, con Baldanzi che si inventa una conclusione di destro in mezzo all’area, chiamando Bagnolini all’intervento salva risultato. Nel Bologna entrano anche Wieser, Corazza e soprattutto Rojas, con il cileno che un minuto dopo il suo ingresso prova a scaldare, invano, il mancino, non trovando lo specchio. Tutto l’arsenale offensivo in campo per Vigiani: al 41’ Raimondo tenta la giocata col mancino, trovando sul suo sentiero la parata di Biagini, mentre al 43’ suonano le sirene d’emergenza per i rossoblù, con Degli Innocenti vicino alla doppietta personale direttamente da calcio di punizione. I 3’ di recupero rappresentano l’ultima speranza per il Bologna, ma il finale di una partita, si sa, è sempre portatore di imprevisti: l’Empoli scappa con El Biache, Boli e Baldanzi seguono l’azione ed è proprio quest’ultimo, dal limite, a calciare in porta col destro, suo piede debole, e a trovare il gol, con il pallone che sbatte sulla traversa e oltrepassa la linea. Il Bologna getta via un’occasione enorme per staccarsi dagli azzurri, l’Empoli dimostra di averci creduto fino all’ultimo e porta a casa tre punti meritati. 

 

Il tabellino della gara
Empoli – Bologna 2-1

Empoli (4-3-2-1): Biagini; Boli, Guarino, Filì, Rizza; Rossi (12’ st Fini), Degli Innocenti, Renzi (32’ st Bonassi); Barsi (32’ st El Biache), Baldanzi; Magazzù. Allenatore: Buscè. A disposizione: Fantoni, Pezzola, Evangelisti, Baggiani, Ignacchiti, Kaczmarski, Peralta, Lozza, Dragoner.

Bologna (3-5-2): Bagnolini; Mercier (1’ st Rocchi), Stivanello, Amey; Wallius (17’ st Corazza), Casadei (17’ st Wieser), Urbanski, Pagliuca, Annan; Paananen (27’ st Rojas), Raimondo. Allenatore: Vigiani. A disposizione: Franzini, Cavina, Sakho, Arnofoli, Cossalter, Cupani, Pietrelli, Motolese. 

Marcatori: 20’ pt rig. Degli Innocenti (E), 44’ pt Casadei (B), 48’ st Baldanzi (E).
Ammoniti: Renzi (E), Stivanello, Mercier, Annan (B).
Espulsi: al 34’ pt Magazzù (E), rosso diretto. 
Note: recupero 0’ – 3’. Angoli 3-6
Arbitro: Maggio di Lodi. 

 


💬 Commenti