Primavera 1, nulla da fare: la Roma vince sul Bologna e condanna i rossoblù ai playout

Finisce 4 a 2 in favore dei giallorossi a Casteldebole. La permanenza della squadra di Zauri in Primavera 1 passerà dalla doppia sfida ai playout contro la Lazio. Doppiette di Tripi e Rabbi, la Roma termina quarta in classifica

Scritto da Giacomo Guizzardi  | 

La tanto attesa quanto insperata vittoria sulla Roma non è arrivata, nonostante la debacle del Torino contro la Samp: il Bologna primavera di Luciano Zauri perde per 4 a 2 a Casteldebole (sotto lo sguardo di Saputo) e si arrende all’inevitabile, con i rossoblù che tra una settimana disputeranno la gara d’andata dei playout contro la Lazio per decidere chi, al termine della doppia sfida, si guadagnerà il diritto alla permanenza in Primavera 1. Primo tempo in discesa per i giallorossi, che si mettono sul 3 a 0 grazie alla doppietta di Tripi e alla splendida punizione di Zalewski. La ripresa comincia col 4 a 0 romanista grazie alla giocata di Bamba mentre, nel giro di due minuti, il Bologna prova a reagire, con la doppietta di Rabbi (rigore dubbio) che regala alla squadra di Zauri un minimo di speranza. Ma è tutto vano, e i tre punti finiscono alla Roma che conclude la stagione al quarto posto, in attesa dei playoff. Destino del Bologna che passa in 180 minuti. 

Le formazioni

Zauri sceglie ancora la difesa a 3 per i suoi, con Tosi e Annan braccetti e Khailoti centrale: in porta torna Molla, Pagliuca assente per motivi extracalcistici e dunque peso dell’attacco che finisce sulle spalle di Rabbi e Rocchi, con Ruffo Luci a sostegno. Nella Roma esordio da titolari per i classe 2004 Tahirovic, Oliveras ed Evangelisti, con De Rossi che dispone i suoi con un 3-4-2-1. 

 

La partita

Parte subito forte la Roma che, dopo lo spavento corso al 6’ sul destro, deviato, di Tosi, passa in vantaggio al quarto d’ora: da azione di calcio d’angolo Zalewski trova in maniera eccellente capitan Tripi, appostato sul secondo palo, che col sinistro trafigge Molla e segna il suo primo – ma non ultimo – gol del pomeriggio. Passano 3 minuti e la Roma raddoppia, sempre da calcio da fermo: dal punto di battuta, intorno ai 25 metri, si presenta Nicola Zalewski, trascinatore di questa squadra, che prende la mira e col destro spolvera il sette alla sinistra di Molla, con i giallorossi che trovano in neanche 20 minuti due reti che consentono alla squadra di De Rossi di mettersi in una posizione di assoluta tranquillità. Ma, a 3’ dalla fine del primo tempo, la Roma dilaga, sempre grazie a Filippo Tripi: da corner questa volta va Bamba che trova il suo capitano a centroarea, bravo poi a calciare di prima intenzione di destro bucando Molla per la terza volta in questo pomeriggio.

Ripresa al via con l’esordio in Primavera di Antonio Raimondo, attaccante classe 2004, che prende il posto di Montebugnoli, ma si registra, dopo 20’’, il quarto gol della Roma, con Bamba che entra in area, sfrutta una marcatura debole di Khailoti e segna col mancino sul palo lontano. Gara finita con ancora un tempo da giocare. Rabbi ci prova, sporcando per la prima volta i guantoni di Mastrantonio, all’8’, ma il portiere classe 2004 para senza problemi: diverso l’esito due minuti dopo quando lo stesso Rabbi prova ad accendere una flebile luce, calciando forte a giro da fuori e trovando il gol dell’1 a 4. Un minuto dopo l’arbitro si fa prendere da un moto di compassione e regala un rigore al Bologna per un presunto contatto di Tomassini su Rocchi: dal dischetto Rabbi, che segna la sua doppietta. Lato Roma, al 16’, Evangelisti alza bandiera bianca e De Rossi ha modo di far esordire in primavera anche Ludovici, terzino sinistro, mentre pochi minuti dopo Rocchi si arrende ai crampi e lascia spazio a Vergani, recuperato in extremis da Zauri, mentre nel mentre la Roma si vede annullare un gol di Ciervo per fuorigioco. Al 25’ nuova fiammata di Rabbi che, dal limite, dopo aver scartato un paio di avversari, calcia male col destro, cestinando la chance del possibile 3 a 4. La Roma abbassa notevolmente i ritmi, con la stanchezza che inizia a sopraggiungere su Casteldebole: alla mezzora Raimondo si fa vedere, costringendo Mastrantonio alla respinta, e cinque minuti dopo è lo stesso attaccante classe 2004 a farsi trovare pronto in area sullo spunto di Rabbi, ma il mancino è troppo chiuso e termina a lato. Nel finale ci prova anche Farinelli, ma la porta di Mastrantonio rimane chiusa. 

 

Il tabellino della gara

Bologna – Roma 2-4

Bologna (3-4-1-2): Molla; Tosi, Khailoti (9’ st Motolese), Annan; Arnofoli, Maresca (40’ st Cossalter), Farinelli, Montebugnoli (1’ st Raimondo); Ruffo Luci (1’ st Viviani); Rabbi, Rocchi (22’ st Vergani). Allenatore: Zauri. A disposizione: Prisco, Milani, Pietrelli R., Pietrelli A., Paananen, Cavina. 

Roma (3-4-2-1): Mastrantonio; Evangelisti (16’ st Ludovici), Tripi, Ndiaye; Tomassini, Tahirovic, Milanese (28’ st Pagano), Oliveras (13’ st Podgoreanu); Zalewski (1’ st Ciervo), Bamba (28’ st Volpato); Afena-Gyan. Allenatore: De Rossi. A disposizione: Boer, Megyeri, Giorcelli, Di Bartolo, Satriano, Tall, Cassano.

Reti: 14’ pt Tripi, 17’ pt Zalewski, 42’ pt Tripi, 1’ st Bamba, 10’ st Rabbi, 12’ st rig. Rabbi. 

Ammoniti: Montebugnoli, Rocchi, Rabbi (B), Milanese (R). 

Note: recupero 1’ pt e 5’ st. 

Arbitro: Cascone di Nocera Inferiore. 


💬 Commenti