Bazzani: "Il Bologna continuerà a giocare nel nome di Mihajlovic. Thiago Motta è stato strepitoso"

Le dichiarazioni dell'ex collaboratore tecnico di Mihajlovic in rossoblù

Scritto da Enrico Traini  | 
Sinisa Mihajlovic e Fabio Bazzani (ph. bolognafc.it)

Marco Bazzani, ex collaboratore tecnico di Mihajlovic al Bologna, parlato in un'intervista al Resto del Carlino, ricordano il tecnico e soffermandosi anche su Thiago Motta e sulla situazione dei rossoblù.

Sul Bologna e il ricordo di Mihajlovic: “Il Bologna continuerà a giocare nel suo nome. Solo chi ha vissuto in prima persona quel rapporto può comprenderlo a pieno. Conosco buona parte dei ragazzi: come me avranno il cuore a pezzi, ma troveranno la forza di onorarne la memoria sul campo. Il legame interiore tra Bologna, il Bologna e Sinisa non si spezzerà mai. Il rapporto tra Sinisa e il Bologna è sempre stato spettacolare, di ferro, sotto il profilo umano. E chi dice il contrario, non sa di cosa parla e insinua bassezze che non commenterò”. 

Sul mercato del Bologna: “Partiamo da un concetto: ammesso che serva qualcosa. Allora. Se puoi prendere Doig e Brekalo migliori, ma a gennaio mi sembrano complicati. Se puoi prendere giocatori che migliorino, tanto meglio, in caso contrario, meglio stare così, perché il gruppo è granitico, strepitoso, è forte e ha qualità strepitose”.

Su Thiago Motta: “Strepitoso, perché entrare in un gruppo Sinisa-centrico e iniziare con un punto in 4 gare avrebbe scosso chiunque. Non lui, segno che quando i risultati non arrivavano stava entrando sotto pelle a giocatori e società. Ma anche alla squadra vanno dati meriti importanti per la risposta data. E brava anche la società a tenere botta”. 

Sul 4-2-3-1 e sull'infortunio di Zirkzee: “Penso che Motta non avrebbe cambiato comunque. Non ha mai avuto tempo per lavorare sui propri concetti, causa nazionali. Lo sta facendo ora ed è giusto che vada avanti per rinforzare concetti e convinzioni che stanno dando frutti. Per Thiago è importante la concezione dello spazio, nonostante un solo riferimento offensivo il Bologna riempie l’area avversaria spesso con 4-5-6 uomini”.

Su Soriano: “Si sta ritrovando e ritroverà il gol, che in campionato gli manca da marzo 2021. È in scadenza ed è uno degli uomini più legati a Sinisa, un professionista enorme. Sarà un valore aggiunto nel ritorno. Ne sono certo”.

GUARDA BFC WEEK #76

 

LEGGI ANCHE: Bologna, Vignato possibile pedina di scambio per arrivare a un terzino


💬 Commenti