Messina: "Unica scelta logica è sospendere le Coppe e finire i campionati nazionali"

La proposta dell'ex tecnico virtussino che sta facendo discutere

Scritto da Federico Bugani  | 

Sta facendo discutere la proposta lanciata da Ettore Messina con una lettera aperta che riportiamo integralmente:

Cari amici del basket, dopo tanti pensieri ho deciso di mandare un messaggio a chi vorrà regalarmi cinque minuti del suo tempo.

Ho avuto la fortuna di vivere una lunga carriera nel basket internazionale: le mie squadre hanno gareggiato con orgoglio e rispetto per il gioco, sotto la guida di FIBA, Euroleague e ULEB.

Anche con disaccordi e discrepanze, a volte, ho sempre rispettato la leadership e la visione del compianto Stankovic e del signor Baumann.

Sono orgoglioso di essere un amico di lunga data del signor Portela e del signor Bertomeu, e sono stato onorato di allenare il signor Van Den Spiegel, attualmente presidente di ULEB.

Stiamo vivendo tempi molto seri e difficili: i governi della maggior parte dei Paesi europei hanno preso decisioni incentrate sul blocco delle comunità, o parti di esse, per proteggere le persone dal Covid. Ogni settimana abbiamo più giocatori o allenatori o soci di società che ottengono risultati positivi ai test, sempre più partite, in ogni paese o nelle competizioni internazionali, vengono rimandate.

Le difficoltà nel viaggiare all’estero stanno aumentando le gravi preoccupazioni per la salute di squadre e arbitri.

Presto non ci saranno date disponibili per le partite posticipate. Sempre più i risultati sportivi dipenderanno da chi sarà più fortunato, affrontando meno contagi nella sua squadra, rispetto agli altri.

Per tutti questi motivi, e con grande umiltà, da appassionato tifoso del gioco, vorrei chiedere ai nostri dirigenti di prendersi un minuto, mettere da parte le diverse opinioni che li hanno separati nel recente passato e, per il bene del basket ei suoi fan, si siedono a un tavolo e non se ne vanno finché non si è trovata una soluzione comune.

Per ora, l’unica scelta logica sembra essere quella di sospendere la competizione europea e consentire ai campionati nazionali di terminare la loro stagione nei prossimi quattro mesi poiché viaggiare nel paese sarà più facile. Dopodiché, forse da marzo o aprile, tutti i tornei internazionali possono essere conclusi, si spera, in tempo per preparare le Olimpiadi. E, forse, il COVID sarà limitato o chiuso per allora.

Certo, le televisioni e gli sponsor dovranno partecipare ma una comune unione fondata dai nostri leader li aiuterà sicuramente a salire a bordo.

La salute dei partecipanti e l’integrità della competizione sono le priorità e saremo grati per sempre, come fan, ai nostri leader per le loro decisioni.

Con molto rispetto,

Ettore Messina


💬 Commenti