Seguici su Twitch

Primavera 1, il punto sul campionato [VIDEO]

Gol, risultati e classifica dopo la sesta giornata di ritorno

Scritto da Giacomo Guizzardi  | 

 

Altro weekend in archivio in Primavera 1, con la sesta giornata di ritorno che ci regala una nuova seconda in classifica e soprattutto nuovi ribaltamenti di fronte in zona playout. Il turno infrasettimanale, però, ci ha lasciato negli occhi soprattutto gol bellissimi e risultati insperati, che andremo ad analizzare nel dettaglio.

Nella giornata di martedì l’Inter ha saputo battere, nonostante l’inferiorità numerica, l’Hellas Verona: in terra veneta la formazione di Chivu ha trovato il colpo del vantaggio nella ripresa grazie alla botta da fuori di Sangalli, che ha regalato ai nerazzurri tre punti e la momentanea quarta posizione in classifica, scavalcando la Juventus. L’Hellas, invece, rimane fermo a 27 punti, venendo agganciato dal Bologna: per la formazione di Corrent è ora necessario uscire dalla zona playout.

La prima gara del mercoledì ha visto pareggiare, a Genova, Genoa e Spal, che con un 1 a 1 si sono regalate un punto a testa. A sbloccare la gara i padroni di casa, con il colpo di testa di Macca nel primo tempo, prima del rigore nei minuti finali conquistato da Puletto e realizzato dallo stesso attaccante. Secondo pareggio consecutivo per la formazione di Chiappino, situazione similare per la squadra di Mandelli, che rimane però in zona retrocessione. 

L’Atalanta, dopo lo stop nello scorso weekend, rialza la testa e trova i tre punti contro il Napoli grazie alla capocciata di Cissè – già a quota tre marcature – con i bergamaschi di Brambilla ora a un solo punto di distanza dalla zona playoff. Per il Napoli di Frustalupi arriva la dodicesima sconfitta, che relega gli azzurri in una posizione di classifica non esattamente tranquilla. L’assenza di Ambrosino si è fatta sentire. 

Non si fanno male Cagliari e Sampdoria, che si bloccano sul 2 a 2: al doppio vantaggio blucerchiato, firmato da Di Stefano con due perle, hanno risposto prima Palomba e poi Kourfalidis, che hanno evitato alla squadra di Agostini la seconda sconfitta di fila. Il Cagliari scende in terza posizione, la Sampdoria è ora invece sesta. 

Dopo il pesante 3 a 0 subito dal Napoli, rialza la testa il Milan di Giunti, a cui basta un gol di Bosisio per battere il Lecce di Grieco, che veniva da un trend tutto sommato positivo. La formazione rossonera si trova ora in decima posizione, quella salentina, invece, deve iniziare a guardarsi le spalle: playout all’orizzonte per una delle neopromosse, che proverà ad invertire la rotta anche grazie ai nuovi arrivi di gennaio. 

Senza scrupoli la Fiorentina, che batte 4 a 1 il Pescara e si issa fino in seconda posizione, alle spalle della Roma. Contro i biancazzurri vanno in rete alcuni dei giocatori più rappresentativi della formazione di Aquilani, da Toci a Corradini – che sbaglia anche un rigore –, da Distefano a Capasso, alla prima marcatura in maglia viola. Rete della bandiera dei pescaresi, sempre più ultimi in classifica, firmata dall’ex Atalanta Amer Mehic. 

Del Bologna, vittorioso contro la Juventus, ve ne abbiamo parlato in questo articolo Bologna, così va bene: 1 a 0 alla Juventus e zona playout lontana. I rossoblù, con la vittoria sui bianconeri, escono dalla zona playout e agganciano l’Hellas, avvicinandosi prepotentemente a Genoa, Napoli ed Empoli.

Proprio la formazione toscana si è resa protagonista del risultato più inaspettato del weekend: i toscani di Buscè, in casa, hanno saputo battere la capolista Roma, sempre più in difficoltà in questo 2022, grazie all’acquisto più azzeccato di gennaio, quel Simone Lozza che con l’Atalanta faticava a trovare spazio e che ad Empoli si sta ritagliando spazi importanti. Gli azzurri salgono al tredicesimo posto, la Roma, invece, mantiene un margine di 8 punti sulla Fiorentina.

La sesta giornata si è conclusa con la vittoria, a sorpresa, del Torino sul Sassuolo, firmata da un Caccavo sempre più determinante. L’attaccante granata, alla seconda titolarità stagionale, ha firmato il gol decisivo – il quinto del suo campionato – approfittando di un errore marchiano in impostazione di Miranda, centrale della formazione di Bigica. Il Sassuolo esce, almeno per un weekend, dalla zona playoff, mentre il Torino vi si avvicina in maniera decisa. 

 

Primavera 1, la classifica

Roma 48
Fiorentina 40
Cagliari* 39
Inter 39
Juventus 37
Sampdoria 37

Sassuolo 36
Atalanta 36
Torino 34
Milan 33
Genoa* 30
Napoli* 28
Empoli 28
Bologna 27

Hellas 27
Lecce 24

Spal 19
Pescara* 8

 

 

LEGGI ANCHE: Italia Under 19, due giovani del Bologna convocati


💬 Commenti