Ippica: il 6 gennaio all'Arcoveggio il Gran premio della Vittoria

Dodici cavalli al via, favorito il pluripremiato Showmar

Scritto da Matteo Fogacci  | 

Il giorno della Befana rappresenta da anni un imperdibile appuntamento all’Ippodromo Arcoveggio, dove le proposte tecniche si sono sempre mirabilmente coniugate con la festività, celebrata con l’arrivo della Vecchietta a cavallo per portare graditi regali ai bambini e soprattutto con la disputa del Gran Premio della Vittoria. In tempo di Covid, i bambini non ci saranno, la Befana non scenderà al trotter bolognese, ma il GP Vittoria 2021 sarà come sempre il primo evento classico della stagione, con il suo inconfondibile schema tattico, l’inusuale distanza maratona e la partenza ai nastri che quest’anno vedrà al via undici soggetti, dieci allo start ed un penalizzato.

Scontro tra titani dalla difficile trama agonistica, questa la diapositiva del Vittoria, con l’armata Gocciadoro presente con tre effettivi e il sorprendente Alessandro Raspante addirittura con quattro, l’ottimo Casillo in pista con una agguerrita coppia, mentre Andrea Guzzinati presenta il favorito tecnico della contesa, il pluripremiato Showmar. In lizza per la vittoria anche gli allievi dei due prolifici team, Africa Jet per il trainer siculo ma con il proprietario Legati in regia, Suerte’s Cage personalmente interpretato dal neo campione italiano Alessandro Gocciadoro, senza dimenticare la vincitrice del 2019 Talisker Horse, che Raspante guiderà personalmente, lasciando a Roberto Vecchione le redini della rivelazione dell’autunno inverno 2020, Vento Spritz.

Più difficile per gli altri, ma Akela Pal Ferm ha dato buona prova di sé nelle partenze da fermo e il suo partner Salvatore Cintura è giovane brillante che ne valorizzerà l’eccellente collocazione tattica, mentre Aguacate è soggetto duttile che Roberto Andreghetti guiderà da par suo; intrigante, poi, la presenza di Apple Wise As, vincitrice classica reduce da un brillante suggello romano proprio con partenza da fermo e con l’odierno partner Antonio Greppi in sediolo.

 

Non solo Vittoria, anche tqq nel mercoledì festivo bolognese, stessa impegnativa distanza dei 2400 metri e ancora free for all in pista, pronostico non facile ma con i migliori tutti a quota meno venti, dalla “classica” Amber Prad, guidata da Ale Gocciadoro, alla generosa Unica Cagemar, affidata a Maurizio Cheli, passando per il cresciuto Vortice Leo ed il grintoso Ulisse Effe, nelle mani rispettivamente di Greppi e Antonio Di Nardo, e senza trascurare le mai sopite ambizioni d’elite di Zip A Dee Doo. Compito meno agevole per i soggetti allo start, dove peraltro non mancano individualità rilevanti, come Vulcan Rodi, per esempio, guidato da Roberto Vecchione, Verduzzo Mdm, in versione “Speedy” Velotti e Tilde Mati, ben situata al centro della prima fila.

 

Il convegno aprirà alle 13.30 con 5 e 6 anni alle prese con la breve distanza per un possibile match tra Aria del Venti ed Asia e con Amerique Clemar nei panni del terzo incomodo, poi neo cadetti sempre sui due giri di pista e riflettori su Buongiorno Dipa e Bimba Capar, Greppi vs Matteini per uno scontro tra toscani di talento con Bramante Cla a caccia del podio. Tre anni nel prosieguo con buoni prospetti al via sul miglio, Clelia D’Arc e Di Nardo saranno i probabili favoriti, mentre desta curiosità il debuttante di casa Gocciadoro Ciclone Ll, reduce da una eccellente prova di qualifica, terza forza Charliebrown Effe. Alla quarta, nastri e doppio chilometro per i quattro anni con Bed, (ancora Gocciadoro), Bat Host e Bon Ton Gso a disputarsi il successo, ed alla quinta Conan Spritz, al netto di errori, Cupido Gso e Chemar per la vittoria e Cobalto di No per il podio.

Anziani e gentlemen alla settima con Zoello e Otello Zrzetto in probabile fuga su Unucum Bigi e Filippo Monti, podio nel mirino per l’inedito duo Ushuaia Bi/Zanichelli.


💬 Commenti