Corriere di Bologna - Bologna-Venezia: i recuperi, le assenze e le mosse di Sinisa. Rischia Theate

Sinisa recupera Orsolini e Svanberg. Si attendono i risultati dei tamponi di Theate. Skov va sulla destra

Scritto da Riccardo Austini  | 
Sinisa Mihajlovic (ph. bolognac.it)

In vista della prossima partita contro il Venezia, il Bologna recupera dall'infermeria innanzitutto Mihajlovic. Il tecnico pare abbia smaltito il leggero attacco febbrile, che non gli aveva permesso di seguire gli allenamenti degli ultimi due giorni. Tuttavia, oggi sarà presente alla rifinitura e alla conferenza stampa. Per quanto riguarda invece i giocatori, tornano disponibili Svanberg e Orsolini: lo svedese ha superato la lieve distorsione a una caviglia e giocherà a fianco di Dominguez, mentre l'esterno ha visto riassorbirsi la contusione ad un ginocchio e sarà un'arma in più dalla panchina. Invece, una preoccupazione giunge dal ritorno di Theate, perché il suo compagno di nazionale De Bruyne è risultato positivo al Covid e quindi il difensore rossoblù si è dovuto sottoporre ai primi tamponi. Non solo questo però ha fermato il classe 2000, perché ieri non si è allenato con la squadra: complice un sovraccarico muscolare rimediato con il Belgio, che al momento non da preoccupazioni. Se anche oggi i tamponi dell'ex Ostenda risulteranno negativi, il giocatore potrà rientrare in gruppo e giocare a fianco di Medel e Soumaoro. Ieri, al posto del belga era stato provato il ristabilito Bonifazi. L'unico dubbio di formazione riguarderà la corsia di destra, dove tre saranno le opzioni per sostituire De Silvestri: spostare Hickey a destra con Dijks che agirà sulla sinistra, Skov Olsen, che parte da favorito nonostante la posizione da ricoprire non gli piaccia poi così tanto, ed infine Mbaye.


💬 Commenti