Bologna, la dirigenza apprezza la gestione alla Gasperini di Thiago Motta

Alla società rossoblù piace la linea che il tecnico sta tenendo da quando è a Casteldebole

Scritto da Enrico Traini  | 
Thiago Motta (ph. bolognafc.it)

Nonostante contro il Napoli non siano arrivati punti, il Bologna uscito dal Maradona è sembrata una squadra rinvigorita, nello spirito e nel gioco. Per i dirigenti rossoblù è merito anche della gestione “alla Gasperini” tenuta da Thiago Motta.

Come riporta l'edizione odierna del Resto del Carlino, la linea imposta fin qui: dritto per dritto sulla sua strada senza paura e senza gerarchie stringenti: se Arnautovic e Schouten non stanno bene, non si cerca di forzare la loro presenza in campo, ma si lascia spazio ai giovani Zirkzee e Ferguson. Se ci si allena male non si viene convocati, come nel caso di Vignato.

Un modo di fare che ricorda quello del primo Gasperini all'Atalanta. Nella stagione 2016/17, infatti, quando il tecnico, dopo un brutto avvio di campionato, mise coraggiosamente da parte i senatori, in favore di un gruppo di giovani che avrebbero poi fatto le sue fortune: Kessié, Caldara, Spinazzola, Toloi, Conti.

La speranza della dirigenza del Bologna è che, proprio come con l'Atalanta di Gasperini, questo atteggiamento possa al più presto convertirsi in punti, per risollevare un campionato fin qui abbastanza deludente.

GUARD GLI HIGHLIGHTS DEL MATCH CONTRO IL NAPOLI

 

LEGGI ANCHE: Bologna, il report dell'allenamento: Arnautovic in gruppo


💬 Commenti