Seguici su Twitch

La Virtus soffre ma espugna Masnago 80-81

Dopo una partita tiratissima per quaranta minuti gli uomini di Scariolo trovano la forza mentale per vincere l'incontro

Scritto da Alessandro Iannacci  | 
Kyle Weems (Foto Virtus Bologna)

Vittoria importante e tutt’altro che scontata per la Virtus Bologna, che espugna il palasport di Masnagl dopo quaranta minuti di fuoco. I tifosi varesini trascinano Vene e compagni per tutta la partita, ma Jaiteh, Pajola, Cordinier e Weems riescono a togliere ogni volta le castagne dal fuoco, fino al definitivo 80-81.

 

Vene incendia Masnago con due triple molto simili per il 6-2 iniziale. Weems risponde con il tiro dalla media del -1, ma Varese è ancora calda dall’arco con De Nicolao. Pajola tiene a contatto la Segafredo con le sue penetrazioni, ma i padroni di casa hanno più energie in avvio e i liberi di Keene valgono il nuovo +3 Openjobmetis (13-10). Bologna prova a mettere le mani sulla partita con il vantaggio firmato Weems, che si prende sulle spalle la squadra e realizza anche la bomba del +5 (13-18). Mannion sente il momento e punisce in transizione con la tripla del +8. Dopo il primo quarto chiuso sul -9, Varese torna a segnare dal perimetro, trovando addirittura il +1 con le bombe di Sorokas e Vene (28-27). Bologna ha i nervi saldi e torna subito davanti con la regia di Ruzzier, ex di turno amato dai tifosi biancorossi. L’appoggio da sotto di Jaiteh del nuovo +5 porta lo staff di Varese a chiamare time out. Vene è il giocatore più in partita dei padroni di casa e il suo diciannovesimo punto vale il pareggio. In chiusura di primo tempo l’Openjobmetis trova nuova energia e, trascinata dal pubblico presente, vola a +4 con i liberi di Beane. E’ ancora il numero 7 biancorosso a muovere la retina da lontano, portando i compagni negli spogliatoi sul +7 (48-41).

All’inizio del terzo quarto proseguono le difficoltà al tiro dei bianconeri, che avevano chiuso il primo tempo con un deludente 20% al tiro. Come sempre è Pajola a suonare la carica con l’appoggio del -5 e la schiacciata di Alibegovic riporta a stretto contatto la Segafredo. Keene e Sorokas ributtano i bianconeri a -5, ma è ancora Alibegovic a riportare tutto in parità dopo un pessimo primo tempo. Cordinier e Alibegovic sono chirurgici da 3 e Bologna riagguanta un solido vantaggio. Varese litiga con il tiro dopo un ottimo primo tempo e Mannion ne approfitta per realizzare il +9 (60-69). Il terzo quarto si chiude su questo punteggio e la Virtus puó provare a gestire.
Varese non ci sta e con Sorokas ritrova il -5. Ferrero non sbaglia dall’arco, ma Tessitori guardagna un preziosissimo canestro e fallo per dare ossigeno alle Vnere. Alibegovic commette il quinto fallo a metá ultimo quarto, lasciando la Virtus in difficoltà sotto le plance. Negli ultimi minuti Varese prova arimontare, ma la Segafredo è brava cogliere con cinismo ogni occasione in attacco. I bianconeri vincono 80-81.


💬 Commenti