LBASerieA La Virtus vince il primo atto della finale, Milano battuta

Segafredo quasi sempre avanti

Scritto da Redazione  | 
Virtus (Foto Virtus Segafredo Bologna)

Il primo atto della finale è della Virtus che espugna il Mediolanum Forum. Avanti anche di 18 lunghezze la Segafredo tiene botta quando Milano rientra fino al -2, poi nel finale con grinta e orgoglio porta a casa la gara.

Dopo un inizio complesso la Virtus inizia a giocare e con ottima difesa ricuce subito. Gamble è un fattore, Teodosic parte fortissimo, e i bianconeri sono avanti 13-20. Milano prova a ricucire coi liberi, ma una tripla di Ricci sulla sirena fissa il parziale sul 19-23.
Pajola prende uno sfondamento dopo 20 secondi di difesa indiavolata, triple di Abass e Ricci e la Segafredo vola al +10: 21-31. Milano si mette a zona e prova a reggere grazie a tantissimi tiri liberi, ben 24 a metà. C’è il terzo fallo per Hines prima e per Ricci poi. La Virtus – in ogni caso – è semplicemente strepitosa, e tocca il +14, sbagliando anche una tripla aperta per il +17, prima di parzialino milanese per il 39-48 di metà partita, con tiro finale di Rodriguez rivisto nell’intervallo e dato da tre.
Si riparte e Gamble commette il terzo fallo uscendo male su tripla di Punter. Di là però – nonostante un fallo evidentissimo non fischiato su Teodosic – la Virtus continua a macinare gioco e manda in rottura prolungata gli avversari, volando a +18 (46-64). L’Olimpia prova a stringere dietro e ferma l’attacco bianconero per oltre tre minuti. Dietro però la Segafredo tiene. Sulla sirena segna Hines, e il parziale al 30’ è 53-67.
Ultimo quarto: due triple di Rodriguez e Milano e a -9. Milano ora difende forte e la Virtus va in enorme difficoltà: Leday firma il -6, Punter il -4, ancora Leday il -2 dopo una persa a metà campo di Teodosic. Nel momento più nero Markovic mette una tripla da lontanissimo, e subito dopo dopo prende sfondamento da Rodriguez. E poco dopo, quando Belinelli mette un gran tiro in avvicinamento, si vede lo striscione del traguardo. L’Olimpia non ne ha più, Punter è l’ultimo ad arrendersi ma la Segafredo la chiude con relativa serenità. Finisce 77-83, si replica tra 48 ore.


💬 Commenti